Grecia può evitare ritorno a dracma se lavora sodo - portavoce governo

lunedì 2 gennaio 2012 10:24
 

ATENE, 2 gennaio (Reuters) - La Grecia deve lavorare sodo e impegnarsi sulle riforme per evitare il ritorno alla dracma. Lo ha detto oggi un portavoce del governo, dopo che il governatore della banca centrale ha avvertito che uscire dall'euro sarebbe un dramma per il Paese.

Alla richiesta di commentare le parole del governatore George Provopoulos, il portavoce Pantelis Kapsis ha detto alla radio Skai: "Questo è il dilemma che ci troviamo di fronte... non c'è ragione di provocare panico dicendo che torneremo alla dracma. Possiamo evitarlo con un lavoro serio e sistematico".

La Grecia, che ha adottato l'euro nel 2001 e oggi è alle prese con un debito pubblico da record, sta cercando di rispettare gli impegni previsti dall'accordo di salvataggio sottoscritto con i creditori internazionali e corre il rischio del default se non riuscirà a trovare un'intesa con i detentori privati di bond prima di marzo sul piano di ristrutturazione del debito.

"Non dovremmo dare per scontato che siamo sfuggiti al pericolo", ha detto Kapsis. I problemi sono davanti a noi, i negoziati con la troika (Ue-Fmi-Bce) sono difficili, l'economia è in una situazione molto brutta e le riforme strutturali sono necessarie per riportare la fiducia".

Oltre il 77% dei greci vuole che il governo di coalizione intraprenda tutte le misure necessarie per garantire che il Paese resti nella zona euro, indica un sondaggio Kapa Research diffuso ieri. -- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia