Abuso diritto, Tesoro annuncia intervento per togliere incertezze

giovedì 22 dicembre 2011 18:13
 

ROMA, 22 dicembre (Reuters) - Il ministero dell'Economia vuole regolare il principio dell'abuso di diritto per eliminare le incertezze che pesano sulle imprese italiane.

Lo si legge in un documento pubblicato sul sito del Tesoro, www.tesoro.it, che offre una sintesi delle misure adottate con la manovra e alcune indicazioni di ciò che il governo intende fare "in prospettiva".

"Il sistema italiano appare ancora distante dalle esperienze maturate in altri ordinamenti. L'assenza di una normativa in materia di abuso del diritto genera incertezza per le imprese italiane, soprattutto per le operazioni più complesse", spiega il documento.

La disciplina dell'abuso di diritto trae origine da più sentenze della Corte di cassazione e prevede che siano illegittime tutte le operazioni fatte esclusivamente per pagare meno tasse, senza quindi il supporto di una vera ragione economica.

L'associazione delle imprese italiane, Confindustria, spinge da sempre per un intervento che limiti l'applicazione di questo principio.

Il Tesoro ammette che il concetto di abuso del diritto "ha vaste potenzialità applicative, non esistendo alcuna norma nel sistema italiano che ne delimiti la portata". E aggiunge che le esperienze maturate in altri Paesi dimostrano come la codificazione dell'abuso sia "la via maestra per consentire alle imprese di operare in un quadro normativo stabile dell'operazione".

Il documento fornisce anche una sintesi di come altri paesi europei hanno affrontato la materia.

Il legislatore francese, ad esempio, ha introdotto una definizione più ampia del concetto di abuso, mantenendo invariate le garanzie procedurali dei contribuenti, che ne escono anzi rafforzate grazie alla nuova composizione del comitato consultivo, composto non solo da membri di nomina governativa, ma anche da rappresentanti delle professioni contabili e giuridiche.

In Germania, l'abuso diritto si verifica "solo quando il contribuente sceglie una struttura legale 'inadeguata' rispetto al fatto economico, che comporta per lui o per un terzo, in confronto ad una forma adeguata, un beneficio fiscale non previsto dalla legge. L'abuso non si concretizza se il contribuente dimostra che la forma giuridica scelta risponde a ragioni extrafiscali meritevoli di tutela. L'onere della prova circa l'appropriatezza o meno delle strutture utilizzate è a carico delle autorità fiscali tedesche".   Continua...