Manovra, aula Senato avvia esame, possibile richiesta fiducia in serata

mercoledì 21 dicembre 2011 11:25
 

ROMA, 21 dicembre (Reuters) - L'aula del Senato ha avviato l'esame della manovra, uscita dalle commissioni Finanze e Bilancio senza nuove modifiche rispetto al testo licenziato dalla Camera venerdì scorso.

Dopo che l'aula ha respinto le pregiuziali di costituzionalità presentate dalla Lega Nord, il presidente Renato Schifani ha illustrato il calendario dei lavori spiegando che la discussione generale andrà avanti per tutta la giornata fino alle 19,00 circa. A quel punto il governo dovrà decidere se chiedere il voto di fiducia per bloccare gli emendamenti e velocizzare i lavori.

"Ove fosse posta la questione di fiducia sarebbe convocata la conferenza dei capigruppo e domani mattina si terrebbe la discussione generale sull'eventuale fiducia", ha detto Schifani.

L'aula convertirà in legge il decreto entro domani.

Venerdì dovrebbe riunirsi il Consiglio dei ministri e non è escluso che all'ordine del giorno ci sia il decreto di fine anno, comunemente noto come Milleproroghe.

Il Partito democratico insiste perché il governo inserisca nel Milleproroghe un regime pensionistico di favore per i lavoratori precoci, coloro che hanno cominciato a lavorare molto presto.

La manovra cancella infatti le pensioni di anzianità prevedendo che dal 2012 ci si possa ritirare dal lavoro indipendentemente dall'età anagrafica con con 42 anni e un mese di contributi per gli uomini e 41 anni e un mese per le donne. Chi si ritirerà prima di 62 anni subirà una riduzione dell'assegno pari ad un punto percentuale per ogni anno. Il taglio salirà al 2% "per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni".

Il Pd vuole che il governo attenui quanto meno il regime di penalizzazione.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia