Fmi, fiscal monitoring Italia inizierà a gennaio - fonti

martedì 20 dicembre 2011 17:03
 

MILANO, 20 gennaio (Reuters) - Gli ispettori del Fondo monetario internazionale che stanno per concludere una breve visita in Italia torneranno nel mese di gennaio per dare inizio alla sorveglianza rafforzata richiesta da Roma a inizio novembre.

Lo riferiscono due fonti a conoscenza dei contenuti dei colloqui che si sono svolti in questi giorni tra gli inviati dell'Fmi e le autorità italiane.

"Gli incontri di questi giorni sono serviti per concordare le modalità per il fiscal monitoring, non si sono affrontate altre questioni di sostanza", dice una fonte.

"Torneranno a gennaio", riferisce la seconda fonte.

Le modalità di base sulle quali prenderà forma questo nuovo monitoraggio saranno quelle delle normali missioni article IV compiute dall'Fmi con cadenza annuale su tutti gli azionisti del Fondo. Ci saranno quindi rapporti di fine missione stilati dagli inviati di Washington, aperti ai rilievi delle autorità italiane, che saranno poi esaminati dall'executive board dell'organismo multilaterale e pubblicati.

Gli altri contorni del fiscal monitoring sono stati tratteggiati proprio in questi giorni per quanto riguarda l'Italia, prima economia Gruppo dei Sette ad aver richiesto questa pratica che è stata utilizzata negli ultimi anni da Giamaica, Libano e Nigeria.

"A fianco di una verifica delle ipotesi su crescita e andamento dell'economia che stanno alla base dei piani di bilancio del governo, la sorveglianza dell'Fmi sarà focalizzata sulle riforme che l'esecutivo sta delineando", dice una delle fonti.

"Gli esperti del Fondo valuteranno l'efficacia degli interventi che il governo sceglierà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi per sostenere crescita e riformare l'economia. Sarà un monitoraggio 'lungo'", aggiunge.

Washington, che finora ha scelto una linea di comunicazione discreta sulla missione, ha detto che il monitoring si svolgerà con cadenza trimestrale e ha annunciato che il team responsabile dell'Italia sarà guidato da Aasim Husain, uno dei vice-direttori del dipartimento europeo dell'Fmi. La missione a Roma in questi giorni è composta da Husain e Antonio Spilimbergo, mentre quella che tornerà a gennaio sarà rimpolpata per l'occasione.   Continua...