Bpm, Investindustrial non ha sottoscritto inoptato aumento- fonti

martedì 20 dicembre 2011 15:27
 

MILANO, 20 dicembre (Reuters) - Investindustrial non ha sottoscritto i diritti inoptati dell'aumento di capitale di Pop Milano offerti in borsa al termine del periodo di offerta in opzione.

Lo dicono fonti finanziarie dopo che ieri l'istituto milanese ha comunicato i risultati definitivi dell'aumento di capitale da 800 milioni di euro, sottoscritto per oltre il 94%.

Al consorzio di garanzia guidato da Mediobanca toccherà accollarsi il restante 5,98% delle azioni non sottoscritte.

"Investindustrial non ha sottoscritto i diritti durante asta", dice la fonte.

La partecipazione in mano al fondo che fa capo ad Andrea Bonomi è stata nel frattempo arrotondata al 6,74% dal 6,63% "attraverso acquisti sul mercato" aggiunge la fonte.

Il presidente del consiglio di gestione di Pop Milano aveva preannunciato di salire al 9,9% ma non sono ancora chiare né la modalità né la tempistica.

Non sono ancora noti i nomi che hanno sottoscritto i diritti che erano rimasti inoptati dopo il periodo di offerta in opzione concluso lo scorso 18 novembre con adesioni pari all'81,7%.

Indiscrezioni stampa dei giorni scorsi avevo ipotizzato acquisti dell'inoptato in fase d'asta da parte di hedge fund per scopi puramente speculativi, visto che durante i periodo di offerta il titolo Bpm è rimasto sotto il prezzo dell'aumento di 0,30 euro.

Il mercato sembra comunque premiare l'esito dell'operazione di ricapitalizzazione, migliore delle attese considerando la fase critica dei mercati.   Continua...