Bond euro, Bund stabile sostenuto da Corea, timori rating

lunedì 19 dicembre 2011 08:54
 

 LONDRA, 19 dicembre (Reuters) - Apertura nel segno
della stabilità per i titoli di stato tedeschi, sostenuti dai
timori di instabilità seguiti alla morte del dittatore
nordcoreano Kim Jong-Il, che hanno pesato sugli asset più a
rischio.	
 A sostenere i Bund anche la dichiarazione di Fitch che la
settimana scorsa ha detto che potrebbe tagliare i rating di
Francia, Italia e altri cinque paesi della zona euro, dato che
ritiene "tecnicamente e politicamente fuori portata" una
completa soluzione della crisi del debito euro.	
 "Sulla Corea dobbiamo aspettare e vedere che succede, ma nel
frattempo abbiamo abbastanza problemi qui in Europa", dice un
trader.	
 Venerdì Fitch, pur confermando il rating AAA della Francia,
ha rivisto l'outlook a negativo da stabile. Ha inoltre
annunciato di aver messo Italia, Belgio, Spagna, Slovenia,
Irlanda e Cipro in rating watch negativo a causa della
permanenza delle preoccupazioni per assenza di una credibile
rete di protezione finanziaria dopo il summit Ue del 9-10
dicembre. 	
 "I tagli ai rating sono prezzati in certa misura ma è
l'inizio di un circolo vizioso e ha implicazioni per il fondo di
salvataggio della zona euro; non è un bene e non ci sono ragioni
per cui i Bund non restino sostenuti fino a fine anno" dice il
trader.	
 S&P aveva già posto 15 paesi della zona euro, inclusa la
Germania, in creditwatch negativo.	
      	
========================= ORE 8,40 ============================	
 FUTURES EURIBOR MARZO        98,845  (-0,02)  	
 FUTURES BUND MARZO          138,55  (-0,02)          	
 FUTURES BTP MARZO            91,75  (inv)        	
 BUND 2 ANNI             100,05  (-0,010)   0,227% 	
 BUND 10 ANNI            101,23  (-0,020)   1,864% 	
 BUND 30 ANNI            118,51  (+0,037)   2,389% 	
===============================================================	
  	
(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02
66129655, Reuters messaging:
irene.chiappisi.reuters.com@reuters.net) 
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia