Accordo fiscale Ue prevede ricorso a Corte di Giustizia - bozza

venerdì 16 dicembre 2011 16:56
 

BRUXELLES, 16 dicembre (Reuters) - I Paesi che non raggiungeranno gli obiettivi fissati dall'accordo sull'integrazione di bilancio nella zona euro e con altri membri della Ue, potranno essere portati davanti alla Corte di Giustizia europa, secondo una bozza dell'intesa raggiunta nell'ultimo summit di inizio dicembre.

Tutti gli Stati membri della Ue, con l'eccezione della Gran Bretagna, hanno deciso di rafforzare il controllo dei deficit di bilancio e le regole sul debito nella zona euro, approvando "il patto di bilancio".

L'intesa sottolinea che i Paesi aderenti devono mantenere un deficit primario inferiore allo 0,5% nel corso del ciclo economico, devono tenere il debito al di sotto del 60% del Pil e devono avere un rapporto deficit-bilancio inferiore al 3%.

L'accordo sarà in vigore non appena nove Paesi l'avranno ratificato, secondo la bozza.

Sono previsti almeno due summit all'anno e quei Paesi che hanno ratificato l'intesa, ma non rispettano gli obiettivi previsti, possono essere deferiti alla Corte europea di Giustizia; una mossa che comporta sanzioni quasi automatiche.

"Ogni controparte che valuta una delle altre controparti come inadempiente...può portare la questione davanti alla Corte di Giustizia dell'Unione europea", si legge nell'articolo 8 della bozza composta da 14 articoli.

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129518, Reuters messaging: giancarlo.navach.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

  Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Accordo fiscale Ue prevede ricorso a Corte di Giustizia - bozza | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,609.16
    +0.06%
  • FTSE Italia All-Share Index
    22,818.40
    +0.10%
  • Euronext 100
    1,010.93
    -0.08%