RPT - Btp, in asta 5 anni collocato massimo offerta a tasso in rialzo

mercoledì 14 dicembre 2011 13:14
 

 (-)	
 MILANO, 14 dicembre (Reuters) - Il Tesoro italiano
archivia con successo l'ultima seduta d'asta a medio-termine
dell'anno: il Btp quinquennale è stato collocato per il massimo
dell'offerta di 3 miliardi a un rendimento del 6,47%, nuovo
massimo dall'introduzione dell'euro e superiore a quello
dell'asta di novembre, ma più basso rispetto a quanto espresso
dal mercato. Dopo l'asta, sul mercato secondario, il titolo ha
continato a vedere acquisti spingendo al rialzo il prezzo.	
 L'asta cade per altro in un mercato generale ancora teso,
con i periferici, Italia compresa, sotto pressione per via delle
incertezze che ancora permangono sulla scena europea in
relazione alla risoluzione della crisi di debito.	
 "In un contesto generale non favorevole quest'asta è stata
la miglior cosa successa oggi" dice un dealer di una banca
italiana. 	
 Lo spread di rendimento tra decennali Btp e Bund (che oggi
vede il cambio del benchmark italiano dal settembre 2021 al
marzo 2022 e del tedesco dal settembre 2021 al gennaio 2022) a
metà seduta è a 512 punti base. Ieri in chiusura lo spread tra
Btp e Bund settembre 2021 era a 473 punti base e il paragone
degli stessi due titoli stamane indica un valore invariato.	
 A corollario del fatto che il nuovo Btp benchmark decennale
mostra un rendimento più alto rispetto a quello del settembre
2021 stamane la curva nel tratto 10/30 risulta leggermente
invertita, con il primo che a metà seduta mostra un remdiomento
del 7,1% e il secondo del 7,0%. 	
 	
 ASTA BTP 2016, VISTO FORTE INTERESSE, LIVELLI CONVENIENTI 	
 I giudizi sull'asta di oggi sono complessivamente positivi,
al netto del fatto che i rendimenti sono saliti in un mercato
complessivo sotto pressione. Si tratta dell'ultima asta con
efficacia sul 2011, visto che le prossime (che verranno
annunciate la prossima settimana) di fine mese avranno
regolamento già nel 2012. 	
 Già all'asta di lunedì 12 il Bot annuale era stato collocato
per l'intero ammontare di 7 miliardi su una domanda quasi doppia
e a rendimenti leggermente in calo rispetto al'asta precedente. 	
 "L'asta ha visto un grande interesse, tanto è vero che il
rendimento uscito è vicino ai minimi visti sul mercato
stamattina" dice uno strategist. "Evidentemente c'era molto
corto in giro anche perchè questo titolo è tra quelli che sono
stati comprati dal programma delle banche centrali ed era
diventato molto illiquido sul mercato". 	
 Il titolo, offerto per un range di 2-3 miliardi. è stato 
collocato per 3 miliardi e chiesto per 4,252 miliardi con un
btd-to-cover di 1,417 in linea con quello dell'asta di novembre
(1,47). 	
 "Secondo me è stata un'asta in realtà abbastanza buona. Se
si guarda al bid-to-cover non sembra fantastico ma, se si fa il
confronto con la media dei bid-to-cover che abbiamo visto nelle
aste italiane di quinquennali di questo trimestre, siamo in
realtà un po' sopra" ha detto Michael Leister di WestLB. "È
veramente un buon segnale, che dimostra come la situazione non
sia affatto così male. In particolare tenendo a mente la scarsa
performance del mercato che abbiamo visto nell'ultimo paio di
sedute". 	
 Il titolo inoltre risultava molto conveniente rispetto agli
altri titoli della stessa scadenza e anche rispetto alla curva
Btp in generale.	
 "Il Btp in asta è apparso fin da stamane molto appetibile
sulla curva dei titoli italiani" dice un altro strategist.
"Stamane era trattato attorno a 452 bp sul midswap e a questo
livello risultava il più conveniente sulla curva Btp dopo il Btp
novembre 2023 e il Btp novembre 2014 (che è il nuovo tre anni
benchmark".	
 "Inoltre il titolo in asta risultava anche il più
conveniente rispetto ai 'vicini': da notare per esempio il
differenziale tra il settembre 2016 e l'aprile 2016 al massimo
storico di 30/35 punti base". 	
 La pecca, non trascurabile, dell'asta è il rendimento che
risulta il più alto dall'introduzione dell'euro "ma, se vogliamo
travare un argomento positivo, risulta più basso rispetto al
rendimento del decennale mentre nei momenti di maggior tensione
si era vista un'inversione della curva" dice un altro dealer. 	
 A metà seduta il titolo quota 92,487 in rialzo
di 0,485 per un rendimento del 6,730%. In asta è stato collocato
al prezzo (al netto della commissione) di 93,16.  	
       	
============================ 12,50 ============================	
 FUTURES BUND MARZO       136,94   (+0,33)         	
 FUTURES BTP MARZO         91,20   (+0,05)          	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  93,757  (+0,19)  5,908%	
 BTP 10 ANNI (MAR 22) 85,529  (-1,31)  7,130% *	
 BTP 30 ANNI (SET 40)  76,115 (-0,10)  7,045% 	
	
 	
========================  SPREAD (PB)========================== 	
                                             ULTIMA CHIUSURA 	
TREASURY/BUND 10 ANNI    +1,5            -5,2   	
BTP/BUND 2 ANNI           564             563	
BTP/BUND 10 ANNI        512  *          473	
livelli minimo/massimo              504,3-519,2 *   460,6-476,5	
BTP/BUND 30 ANNI        462             454	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    122,2 *          82,7 	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   -85              31,3  	
 	
* Da oggi sono stati cambiati il Bund e il Btp decennali di
riferimento da settembre 2021 a, rispettivamente, il gennaio e
il marzo 2022   	
=============================================================== 	
	
 (Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02
66129504, Reuters messaging:
gabriella.bruschi.reuters.com@reuters.net)
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia