Manovra, Cgil "poco soddifatta", mobilitazione prima Natale-Camusso

mercoledì 14 dicembre 2011 11:03
 

ROMA, 14 dicembre (Reuters) - La Cgil è poco soddifatta della nuova versione della manovra, anche con le correzioni apportate ieri sera da un emendamento del governo presentato alle commissioni Finanze e Bilancio.

Lo ha detto oggi a Reuters il segretario generale del sindacato, Susanna Camusso, annunciando un'iniziativa di mobilitazione prima di Natale, che non sarà però un nuovo sciopero.

"Siamo poco soddisfatti", ha detto la leader del più grande sindacato italiano.

"Per quel che finora se n'è capito... indubbiamente sono state affrontate alcune delle questioni che avevamo proposto al governo... Ma dire che siamo soddisfatti è assolutamente eccessivo. Si poteva fare di più sul piano dell'equità e sul piano dello spostamento del peso".

Con l'emendamento presentato dal governo si garantisce, almeno per il 2012, l'adeguamento al'inflazione per tutte le pensioni fino a 1.400 euro e si introducono detrazioni sull'Imu per la prima casa fino a 400 euro per le famiglie con figli a carico.

Per Camusso non sembrano esserci altri spazi per modifiche alla manovra da circa 30 miliardi di euro dell'esecutivo guidato da Mario Monti, "perché il governo ha deciso di chiedere la fiducia".

"Ciò non vuol dire che rinunciamo a sostenere che ci sono aspetti che vanno cambiati".

Sicuramente ci sanno delle ulteriori mobilitazioni... con quali forme lo decideremo con Cisl e Uil", ha detto il segretario, aggiungendo che "faremo una cosa alla vigilia di Natale".

Alla domanda se si trattasse di uno sciopero, Camusso ha risposto: "no".

(Massimiliano Di Giorgio e Gavin Jones)

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224210, Reuters Messaging: giselda.vagnoni.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia