Irlanda deciderà a marzo se necessario referendum su piani Ue

martedì 13 dicembre 2011 14:16
 

DUBLINO, 13 dicembre (Reuters) - L'Irlanda aspetterà fino a marzo per decidere se indire o meno un referendum sui piani europei per una maggiore integrazione fiscale.

Lo ha detto oggi il ministro per gli Affari europei del Paese.

Ventisei dei Paesi membri dell'Unione europea - ovvero tutti tranne la Gran Bretagna - hanno acconsentito la scorsa settimana nel corso di un summit a Bruxelles a perseguire una maggiore integrazione fiscale, nell'ambito degli sforzi per contrastare la crisi del debito della zona euro.

Gli irlandesi hanno il diritto di esprimere il proprio voto su tutti i maggiori trasferimenti di poteri a Bruxelles e il ministro degli Affari europei del Paese ha precisato che il referendum non si potrà indire fino a quando non verrà definito il patto, a marzo. -- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia