PUNTO 2 - Manovra, impasse su emendamenti, slitta anche Cdm

martedì 13 dicembre 2011 16:15
 

(Accorpa pezzi, aggiunge contesto)

di Giuseppe Fonte e Francesca Piscioneri

ROMA, 13 dicembre (Reuters) - Stallo in Commissione Bilancio della Camera sugli emendamenti alla manovra da 33 miliardi varata dal governo di Mario Monti, mentre si lotta contro il tempo per garantire prima di Natale il via libera alle misure di austerity che arriverà probabilmente con voto di fiducia.

Al centro dell'impasse gli interventi su previdenza e Imu - si cercano ancora le coperture per mitigarne gli effetti su famiglie e pensionati - ma anche i contrasti in tema di liberalizzazioni, in particolare farmacie e taxi.

Salta di conseguenza l'intervento del presidente del Consiglio nelle commissioni Finanze e Bilancio, atteso nel pomeriggio. E slitta, per ora alle 17,30, il Consiglio dei ministri atteso delle 16,00 sull'assegnazione delle deleghe a ministri senza portafoglio e viceministri.

Monti, dopo oltre due ore passate nella saletta del governo a Montecitorio con il vice ministro dell'Economia Vittorio Grilli e il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Piero Giarda, sta ora incontrando i relatori alla manovra Pier Paolo Baretta (Pd) e Maurizio Leo (Pdl). I lavori delle commissioni sono al momento sospesi e proseguiranno stasera in notturna in modo che il decreto legge possa approdare domani mattina o al più tardi domani pomeriggio in aula.

SLITTA TAGLIO STIPENDI PARLAMENTARI, LIBERALIZZAZIONE TAXI

La giornata è stata segnata da tensioni fin dal mattino, quando il governo ha presentato un emendamento che esclude i taxi dalla liberalizzazione delle attività economiche.   Continua...