Btp chiudono in calo dopo Merkel, pesa attesa asta

martedì 13 dicembre 2011 18:08
 

 MILANO, 13 dicembre (Reuters) - Chiudono in calo i Btp
nuovamente appesantiti nel tardo pomeriggio da indiscrezioni
sull'orientamento del cancelliere tedesco Angela Merkel che,
secondo fonti, si sarebbe detta nuovamente contraria all'idea di
innalzamento dei limiti di raccolta per il fondo di salvataggio
permanente europeo Esm. 	
 "La Merkel ci deve sempre mettere lo zampino ogni volta che
la situazione sembra migliorare", spiega il trader di una banca
specialist. "Siamo chiaramente ancora lontano da un sentiero
chiaro e definito".	
 Il mercato - non solo la periferia ma anche il segmento
'core' - resta peraltro dominato dall'ombra di un probabile
downgrade sovrano da parte di S&P di tutti i principali paesi
della zona euro soprattutto dopo l'accordo europeo raggiunto
venerdì scorso a Bruxelles, che non è riuscito a placare, almeno
nel breve termine, le tensioni legate alla crisi del debito. 	
 Il differenziale di rendimento termina la giornata in area
473 punti base contro i 461 della chiusura di ieri, livello cui
lo spread si era riportato a metà pomeriggio appena prima della
notizia riguardo alla Merkel, dopo la quale l'euro è scivolato
ai minimi da quasi una anno sul dollaro. 	
 "A parte la Merkel che ha tarpato le ali al recupero, mi
pare la tipica giornata di attesa per le aste, con debolezza
diffusa" prosegue il trader. "Cosa peraltro che non è capitata
alla Spagna, che ha le aste dopodomani e rispetto a cui oggi
l'Italia ha sottoperformato".	
 Lo spread spagnolo decennale si allarga in
chiusura di soli 4 punti base a quota 380 pb. 	
 Si conferma invece in controtendenza la parte breve della
curva italiana, col rendimento sul biennale oggi sotto il 6% per
la prima volta dallo scorso 8 dicembre. 	
 Torna invece in negativo, dopo un pomeriggio di recupero, il
benchmark quinquennale italiano settembre 2016 domani in asta
per un importo compreso tra i 2 e i 3 miliardi di euro: il
rendimento risale in chiusura al 6,85%, sensibilmente al di
sopra del 6,29% dell'ultima asta, dello scorso 14 novembre,
massimo dell'introduzione dell'euro.	
 "Se domattina non ci sono scossoni, considerando che si
tratta di un'asta non enorme, i rendimenti del collocamento
potrebbero essere quelli che vediamo ora, anche se è capitato
spesso di trattare una figura sopra o sotto dal pomeriggio alla
mattina successiva" spiega un secondo trader. "Tuttavia,
malgrado l'asta di domani il tratto cinque-sei-sette anni tiene
meglio sul mercato rispetto alla parte lunga della curva perché
è qui che si è concentrata la maggior parte degli acquisti
recenti della Bce". 	
 In mattinata la Bce è stata nuovamente vista intervenire a
sostegno del debito italiano, in particolare oggi sulla scadenza
decennale. 	
 Domani in calendario anche l'asta di biennali tedeschi
dicembre 2013 per un importo indicativo d'offerta di 5 miliardi
di euro, mentre questa mattina Spagna e Grecia hanno collocato
rispettivamente quasi 5 miliardi e 1,625
miliardi di titoli a breve termine, in aste
dall'esito definito "più che buono", cui si è aggiunta poi anche
l'emissione di 1,971 miliardi di nuovi titoli trimestrali
dell'Efsf, al rendimento medio dello 0,2222%.	
       	
============================ 17,30 ============================	
 FUTURES BUND MARZO       136,60   (+0,06)         	
 FUTURES BTP MARZO         91,10   (-0,85)          	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  93,753  (+0,32)  5,895%	
 BTP 10 ANNI (SET 21) 86,797  (-0,78)  6,722% 	
 BTP 30 ANNI (SET 40)  76,212 (-0,66)  7,035% 	
========================  SPREAD (PB)========================== 	
                                             ULTIMA CHIUSURA 	
TREASURY/BUND 10 ANNI    -5,2            -2,5   	
BTP/BUND 2 ANNI           563             580	
BTP/BUND 10 ANNI        473             461	
livelli minimo/massimo              460,6-476,5     445,5-481,1	
BTP/BUND 30 ANNI        454             444	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    82,7            55,9 	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   31,3            35,6    	
=============================================================== 	
	
 
 Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia