Btp recuperano con sostegno banche centrali,Bot in asta sale ancora

lunedì 12 dicembre 2011 18:01
 

 MILANO, 12 dicembre (Reuters) - La giornata del
mercato obbligazionario italiano si chiude in recupero grazie al
sostegno delle banche centrali, le quali con i loro acquisti
hanno riportato lo spread sui livelli di chiusura di venerdì. 	
 Sul mercato obbligazionario in generale è tornata la
diffidenza per la capacità delle autorità Ue a risolvere i
problemi di debito e ciò ha pesato soprattutto sui periferici
per buona parte della giornata. "Sembra proprio che il vertice
Ue non sia stato convincente" dice un dealer.	
 Dal solo lato italiano la mattina era iniziata positivamente
con il buon esito dell'asta sui Bot annuali che ha visto forte
domanda e rendimenti in calo. 	
 "Sul mercato regna ancora la sfiducia che si possa trovare
una soluzione ai problemi della zona euro" dice un dealer. "La
consolazione è che ora non è un problema solo italiano, visto
che ora il governo ha presentato le misure chieste".	
 Il buon risultato dell'asta Bot "è già passato in secondo
piano, ora ci stiamo già predisponendo all'asta sui Btp a 5 anni
di dopodomani" dice un altro aggiungendo che "è l'asta dei Btp
più che quella dei brevi ad essere segnaletica".	
 In offerta c'è la riapertura del Btp settembre 2016 per 2-3
miliardi. Questo titolo, che stamane aveva visto il rendimento
salire oltre il 7%, stasera quota il 6,6%.	
 	
 ASTA BOT BEN CHIESTA, RENDIMENTI IN CALO	
 Eppure anche l'asta Bot stamane era vista con trepidazione,
temendo risultati negativi che non sono arrivati. 	
 L'asta, offerta per 7 miliardi, è stata chiesta per quasi il
doppio (13 mld) e sopra anche l'ammontare in scadenza di 11 mld.	
 Oggi si celebrava tra l'altro anche il secondo 'Bot day', in
cui la clientela retail può sottoscrivere l'asta senza
commissioni bancarie. 	
 I dealer dicono di aver visto una buona presenza della
clientela retail, in alcuni casi anche doppia rispetto agli
standard, che sono comunque su livelli contenuti. Ma "ancor più
importante è il fatto che abbiamo visto tornare alcuni fondi e
assicurazioni, che non vedevamo da tempo" dice uno di loro. 	
  Il rendimento del Bot in asta è stato del 5,952% in calo
dal 6,087% dell'asta del mese scorso. Stasera sul mercato quota
ancora più basso a 5,810%, "segno che qualcuno è rimasto corto
all'asta e deve ricoprirsi" commenta un dealer.	
         	
============================ 17,30 ============================	
 FUTURES BUND MARZO       136,67   (+1,30)         	
 FUTURES BTP MARZO         91,50   (-1,71)          	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  93,490  (+0,39)  6,050%	
 BTP 10 ANNI (SET 21) 87,509  (+1,344  6,609% 	
 BTP 30 ANNI (SET 40)  76,906 (-1,075) 6,965% 	
========================  SPREAD (PB)========================== 	
                                             ULTIMA CHIUSURA 	
TREASURY/BUND 10 ANNI    -2,5            -2     	
BTP/BUND 2 ANNI           580             609	
BTP/BUND 10 ANNI        461             461	
livelli minimo/massimo              445,5-481,1     457,7-471,3	
BTP/BUND 30 ANNI        444             432	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    55,9            23,7 	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   35,6            29,7    	
=============================================================== 	
(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02
66129504, Reuters messaging:
gabriella.bruschi.reuters.com@reuters.net)
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia