Ue, S&P vede necessità altri summit per risoluzione crisi debito

lunedì 12 dicembre 2011 11:47
 

TEL AVIV, 12 dicembre (Reuters) - L'Unione Europea avrà bisogno di molti summit per risolvere i problemi del debito e intanto il tempo corre. Tuttavia l'accordo raggiunto la settimana scorsa è stato un passo significativo per risolvere "la crisi di fiducia".

E' quanto ha affermato Jean-Michel Six, capo economista di S&P Europe durante una business conference a Tel Aviv.

"Senza creare aspettative molto elevate, ci saranno molti altri summit. Il tempo corre ed è necessario intervenire su entrambi i lati dell'equazione, sia quello fiscale sia quello monetario", ha spiegato Six.

L'economista ha poi sottolineato che la decisione di S&P di porre sotto osservazione 15 paesi della zona euro con prospettive di downgrade è finalizzata a mandare un segnale forte sul rischio di una recessione di più ampia portata e di un credit crunch.

"C'è bisogno probabilmente ancora di un altro shock prima che in Europa tutti vedano la cosa nello stesso modo, per esempio che una grossa banca tedesca sperimenti difficoltà sul mercato", ha detto Six. "A quel punto ci sarebbe la consapevolezza che tutti siamo sulla stessa barca e che anche le istituzioni tedesche possono essere colpite dal contagio".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia