SINTESI-Italia, Berlusconi nega dimissioni, domani prima conta alla Camera

lunedì 7 novembre 2011 20:00
 

* Borsa cede e spread risale dopo smentita

* Occhi puntati su voto Camera domani su Rendiconto

* Se governo non ottiene maggioranza si va a voto - Rotondi

* Anche se governo cade impegni con Ue restano - Gianni Letta (Accorpa pezzi)

di Giselda Vagnoni e Paolo Biondi

ROMA, 7 novembre (Reuters) - Assediato dai mercati e dai suoi stessi compagni di partito, Silvio Berlusconi smentisce di essere in procinto di dimettersi ma fa sapere che se non ottiene la maggioranza cercherà il voto anticipato.

L'appuntamento cruciale è per domani pomeriggio alla Camera sul Rendiconto generale dello Stato per il 2010. Se i voti ottenuti dalla maggioranza saranno inferiori a quota 315 le opposizioni potrebbero chiedere un voto di sfiducia.

In serata si è appreso da fonti politiche che solo dopo l'esito delle votazioni sul Rendiconto, il centrodestra presenterà al Senato il maxiemendamento sul quale Berlusconi ha detto di voler chiedere la fiducia.

"Le voci delle mie dimissioni sono destituite di fondamento", ha scritto Berlusconi sulla sua pagina di Facebook poco dopo le 13.   Continua...