Btp e Bund recuperano dopo delusione taglio Bce di 50 pb

giovedì 6 novembre 2008 17:41
 

 MILANO, 6 novembre (Reuters) - I titoli di Stato europei si
muovono in rialzo, col futures sul decennale Bund in territorio
positivo dopo il temporaneo calo registrato in seguito
all'annuncio della Banca centrale europea sui tassi. 
 Il tasso del titolo di riferimento a due anni EU2YT=RR è
risalito dai minimi registrati dopo l'azione della Banca
d'Inghilterra a 2,243%, che aveva indotto il mercato ad
aspettarsi un taglio Bce più marcato rispetto a quello poi
effettuato. Il rendimento del titolo a due anni ha segnato un
massimo a 2,508% e attorno alle 17,15 rende 2,436%.
 "Subito dopo la Bce si è visto un sell-off sui titoli di
Stato: dopo la BoE ci si aspettava un taglio più significativo.
Già stamattina il mercato prezzava una riduzione di 75 punti
base" dice Giuseppe Maraffino di Unicredit Mib.
 La Banca centrale europea ha deciso oggi una riduzione dei
tassi di 50 pb. Il tasso riferimento per le operazioni di
rifinanziamento principali è così sceso al 3,25% dal 3,75%. Una
riduzione dei tassi era fortemente attesa. La Banca
d'Inghilterra aveva poco prima tagliato il tasso di riferimento
di 150 punti base portandolo al 3,0%, una riduzione
significativamente superiore alle stime per un taglio massimo di
100 pb.
 Il futures sul titolo di riferimento decennale Bund ha visto
un calo sulla decisione Bce dopo aver toccato il massimo di
contratto a 118,01 subito dopo la BoE. Il contratto è oscillato
stamane fra 118,01 e 116,76.
 I flussi sul mercato restano concentrati sulla Germania a
danno dei mercati periferici. 
 "La liquidità è poca e resta concentrata sul mercato
tedesco" dice Maraffino.
 Nel corso della seduta odierna il titolo italiano con
scadenza residua a due anni agosto 2010 non ha registrato alcuno
scambio.
 Secondo Unicredit lo spread Italia/Germania, sebbene molto
ridotto rispetto ai massimi della scorsa settimana, resta
decisamente superiore a quanto sarebbe in linea con i
fondamentali. 
 "Uno spread Btp/Bund fisiologico alla luce dei fondamentali
economici dovrebbe collocarsi fra i 70 e gli 80 punti base, non
di certo attorno ai 100. L'attuale livello del differenziale non
è motivato se non da paure irrazionali" dice ancora lo
strategist.
 I Btp mantengono in ogni caso il recupero rispetto ai titoli
tedeschi intrapreso in settimana sullo scemare della tensione
sui mercati finanziari e sul recupero del credit default swap
dell'Italia. Lo spread fra i rendimenti dei decennali Btp e Bund
si è ristretto ieri fino a toccare i 98 punti base, dopo aver
rotto al rialzo la soglia dei 100 punti base lo scorso 28
ottobre e dopo aver registrato il livello record di 132 pb,
nuovo massimo dall'introduzione dell'euro, lo scorso 31 ottobre.
Oggi in chiusura si muove fra i 96 e i 97 punti base.
 
======================= QUOTAZIONI 17,30 =======================
                                  PREZZI    VAR.   RENDIMENTO
FUTURES BUND DICEMBRE    FGBLZ8    117,46   (+0,39)  
BTP 2 ANNI (AGO 10)*    IT2YT=TT   102,05   (+0,15)     3,284%
BTP 10 ANNI (AGO 18)   IT10YT=TT    99,09   (+0,79)     4,669%
BTP 30 ANNI (FEB 37)   IT30YT=TT    85,25   (+0,54)     5,040%
======================== SPREAD (PB) ===========================
                                           CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5      7                  1
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     87                 89
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     96                 99
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7     70                 74
BTP 2/10 ANNI*                    138,5              130,6
BTP 10/30 ANNI                     37,1                30,7
=================================================================    
 * quotazioni tratte dagli schermi Reuters riguardo al 2 anni
che non ha registrato alcuno scambi su Mts