PUNTO 2-Fmi vede prima contrazione economie ricche in dopoguerra

giovedì 6 novembre 2008 17:50
 

(Aggiunge dettagli)

WASHINGTON, 6 novembre (Reuters) - Nel 2009 le economie avanzate registreranno la prima contrazione del dopoguerra secondo il Fondo monetario internazionale, che ha ha aggiornato le stime del World Economic Outlook di ottobre proiettando per i paesi ricchi una contrazione di 0,3% del Pil, in luogo della crescita di 0,5% stimata un mese fa.

Rispetto al rapporto pubblicato l'8 ottobre, l'Fmi ritiene che lo stress sui mercati finanziari sarà probabilmente "più intenso e prolungato", a dispetto dell'effetto che i tempestivi interventi delle autorità iniziano a manifestare.

"Si tratterebbe della prima contrazione annua del dopoguerra, sebbene l'entità del rallentamento sia ampiamente paragonabile a quelli del 1975 e del 1982. Un avvio di ripresa è atteso a fine 2009", si legge nell'aggiornamento del Weo.

L'economia mondiale nel suo complesso continuerà a espandersi, al ritmo di 3,7% quest'anno e di 2,2% il prossimo (le stime erano 3,9% e 3% in ottobre). Nel 2009, tuttavia, gli Stati Uniti subiranno una contrazione del Pil dello 0,7% e la zona euro dello 0,5%. Un mese le stime erano di +0,1% e +0,2%.

Già atteso in calo sia nel 2008 che nel 2009, il Pil italiano è visto scendere di 0,2% e 0,6% rispettivamente (da -0,1% e -0,2%).

"Gli Usa soffriranno, con le famiglie alle prese con una perdita di valore delle attività reali e finanziarie e con condizioni più restrittive del credito. La crescita dell'area euro sarà colpita duramente sia da una situazione finanziaria più restrittiva che dalla caduta della fiducia. In Giappone scemerà probabilmente il supporto che le esportazioni nette offrono alla crescita".

La crisi finanziaria continua a proiettare rischi significativi.   Continua...