Finanziaria, Fini avverte governo: fiducia sarebbe deprecabile

giovedì 6 novembre 2008 12:31
 

ROMA, 6 novembre (Reuters) - Dopo che la commissione Bilancio di Montecitorio ha licenziato la Finanziaria 2009 senza modifiche sarebbe "deprecabile" che il governo ponesse la fiducia in aula per strozzare il dibattito.

Lo ha detto il presidente della Camera Gianfranco Fini parlando in assemblea.

"Qualora sul testo che è stato approvato dal Consiglio dei ministri e che la commissione Bilancio ha approvato senza alcun emendamento il governo addivenisse alla decisione di porre la questione di fiducia (decisione, ovviamente, del tutto legittima), ci troveremmo pur tuttavia in presenza di una situazione che non soltanto sarebbe anomala ma che, a mio modo di vedere, sarebbe politicamente deprecabile", ha detto Fini.

"In qualche modo, si toglierebbe al Parlamento - in questo caso, alla Camera - il diritto dovere di esaminare, il diritto dovere di emendare e, ovviamente, il diritto dovere di assumersi le proprie responsabilità attraverso il formarsi di maggioranze su questo o su quell'emendamento", ha aggiunto.

Il governo ha blindato la legge di bilancio opponendosi a qualsiasi ipotesi di modifica. La decisione ha scatenato i malumori non solo dell'opposizione ma anche della maggiorenza. I pochi emendamenti che potrebbero passare durante l'esame in assemblea riguardano l'aumento dei fondi alla Cassa integrazione e l'ammorbidimento del Patto di stabilità interno.