Btp, mercato a rilento, occhi su manovre Boe, spread decennale

giovedì 6 agosto 2009 17:42
 

 MILANO, 6 agosto (Reuters) - In una seduta pienamente estiva
il mercato obbligazionario si muove a rilento, con una
volatilità abbastanza alta e movimenti influenzati
dall'andamento delle borse e dalla crescente propensione al
rischio degli investitori.
 "L'azionario sta andando bene, stimolando interventi più
coraggiosi", commenta un dealer. "Non ci sono ancora segnali che
facciano intravedere un'inversione di tendenza".
 Ad attirare oggi l'attenzione degli operatori di titoli di
stato non è stata tanto la prevedibile conferma dei tassi da
parte della Banca centrale europea, ma piuttosto la manovra
inaspettata di Banca di Inghilterra.
 La banca centrale britannica ha mantenuto i tassi allo 0,5%,
ma ha anche messo mano al programma di acquisto di asset
portandolo a 175 miliardi di sterline dai precedenti 125
miliardi. Ha inoltre deciso di aumentare la forchetta di
scadenze interessate dagli acquisti, facendo rimbalzare i gilt
di oltre tre figure con effetti sensibili sul bund.
 La decisione sembra nascondere la preoccupazione dei membri
del consiglio di politica monetaria di togliere troppo presto il
loro supporto alla ripresa, preferendo correre il rischio di
pressioni inflazionistiche in caso di manovre troppo ritardate.
 Sul fronte italiano da segnalare il differenziale di
rendimento tra i Bund e i Btp decennali, che per tutta la
giornata ha oscillato dai 77 agli 81 punti base, ai minimi dal
78 di inizio maggio.
 L'obiettivo successivo è a 73 punti base, minimo dal 21
ottobre 2008.
 "Oggi si sono mossi i compratori di periferici, anche se
meno rispetto ai giorni scorsi", spiega un dealer. "Le richieste
si sono concentrate specialmente sulle lunghe scadenze dei
titoli dei paesi periferici: c'è fame di rendimenti più alti".
 Per quanto riguarda lo spread, qualche possibilità di un
ulteriore restringimento c'è, sebbene, precisano i dealer, sia
ormai molto difficile ipotizzare un ritorno sui livelli
precedenti l'inizio della crisi, sui 20 punti base.
 "Il primo livello che avevamo individuato era in area 80 ed
è stato rotto", commenta un dealer. "Il livello successivo è a
60 punti base per un target a medio lungo. Io penso che sia
possibile arrivare a 70 punti base trascinati dall'euforia del
momento, ma difficilmente scenderemo ancora al di sotto".
 
 ============================= 17,30 ==========================
                                PREZZI  VAR.     RENDIMENTO
 FUTURES BUND SETT.   FGBLc1      121,37  (-0,29)
 BTP 2 ANNI  (MAR 11) IT2YT=RR    103,07  (-0,03)      1,544%
 BTP 10 ANNI (SET 19) IT10YT=RR   101,180 (-0,21)      4,169%
 BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=TT   100,684 (+0,35)      5,030%
======================== SPREAD (PB) =========================
                                       CHIUSURA PRECEDENTE
 TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     40                   45
 BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3      9                   10
 BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     77                   80
 BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    101                  105
 BTP 2/10 ANNI                      262,5                263,0
 BTP 10/30 ANNI                      86,1                 91,6
 ==============================================================