Btp, meglio brevi prima di Bce, spread risale da minimi a 93 pb

mercoledì 6 maggio 2009 17:46
 

 MILANO, 6 maggio (Reuters) - I Btp archiviano una seduta in
cui a pesare è stato soprattutto il segno più delle borse,
complici anche dati migliori del previsto sull'impiego privato
negli Stati Uniti.
 Alla vigilia della decisione della Banca centrale europea
sui tassi la parte breve della curva si aggiudica la performance
migliore determinando un irripidimento del tratto 2-10 anni. Per
domani si attende una riduzione dei tassi di riferimento all'1%.
 Dopo aver toccato in tarda mattinata minimi da metà novembre
- stringendo fino a 93 punti base sugli schermi Reuters - lo
spread a dieci anni Italia-Germania è tornato sui propri passi
riportandosi in linea alla chiusura di ieri.
 Il differenziale di tasso tra Btp e Bund resta comunque
sotto i 100 punti base a riprova del clima di maggiore fiducia
per ora prevalente sul mercato.
"Lo spread ha consolidato sotto 100. Credo che ce ne voglia
prima che si muova significativamente da questi livelli",
commenta un trader che valuta sostanzialmente equivalenti i
rischi di movimenti di ampliamento o di ulteriore contrazione.
 Secondo un altro operatore molto dipenderà invece
dall'andamento delle borse. Una tenuta dei listini potrebbe
continuare ad alimentare il movimento di chiusura dello spread,
mentre realizzi sull'azionario potrebbero innescare un nuovo
allentamento degli spread.
 Sul fronte dell'offerta l'appuntamento di metà mese è ancora
distante (giovedì 14) ma domani il Tesoro annuncerà la tipologia
dei titoli in asta.
 In un'intervista a Reuters la responsabile della gestione
del debito, Maria Cannata, ha affermato che le emissioni a
medio-lungo del Tesoro quest'anno ammonteranno a circa 220
miliardi di euro, a fronte dei 210 miliardi del 2008.
 Gli operatori segnalano la buona attività di scambio sul
nuovo Btp decennale settembre 2019.
 "Ha scambiato circa 300 milioni sul Mot e altrettanti su
Mts, con un bid/offer abbastanza stretto, una decina di tick",
commenta un trader. "In generale sul mercato per ora si osserva
un trend di maggiore liquidità, restringimento degli spread
bid/offer, diminuzione della volatilità. Le cose non sono certo
tornate alla normalità ma si notano dei miglioramenti".
 I dati Adp sull'impiego nel settore privato negli Usa hanno
mostrato che le perdite dei posti di lavoro si sono attestate al
minimo da novembre 2008, sorprendendo al ribasso le attese.
 ========================= ORE 17,30 ===========================
                                PREZZI  VAR.     RENDIMENTO
 FUTURES BUND GIUGNO FGBLc1       122,18  (-0,17)
 BTP 2 ANNI  (MAR 11) IT2YT=TT    103,25  (+0,10)     1,710%
 BTP 10 ANNI (MAR 19) IT10YT=TT   102,91  (+0,05)     4,178%
 BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=TT    99,54  (+0,19)     5,092% 
 ========================= SPREAD (PB) ========================
                                           CHIUSURA IERI
 TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5      4                   3 
 BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     40                  43 
 BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     96                  97 
 BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    109                 112 
 BTP 2/10 ANNI                      246,8               241,2 
 BTP 10/30 ANNI                      91,4                92,1 
 =============================================================