April 5, 2017 / 3:30 PM / 4 months ago

PUNTO 1-Banche, guidance Bce aggiunge pressione a istituti più deboli - Fitch

3 IN. DI LETTURA

(Aggiunge commento Abi)

LONDRA/MILANO, 5 aprile (Reuters) - Le linee guida della Bce sulla riduzione degli Npl delle banche della zone euro con elevati livelli di sofferenze, imponendo "ambiziosi" target temporali, aggiunge ulteriore pressione agli istituti più deboli spingendoli, in casi estremi, verso processi formali di risoluzione che comportano perdite per gli obbligazionisti senior.

E' quanto sostiene Fitch secondo cui la guidance della Bce è invece positiva per i creditori delle banche migliori che dispongono di mezzi e leva finanziaria per ridurre i livelli di Npl, compreso nuovo capitale privato, se necessario.

"Crediamo che ci siano limiti a quanto velocemente la Bce possa forzare alcune delle banche più deboli a ridurre gli Npl senza cristallizzare i deficit di capitale che potrebbero non essere in grado di colmare privatamente, anche se 'la ricapitalizzazione precauzionale' con fondi dello stato può essere possibile per alcune banche se vengono soddisfatte condizioni rigorose", dice Fitch in un report.

La Bce non ha specificato i criteri utilizzati per individuare le banche con alti livelli di Npl soggetti alla guidance. L'agenzia di rating ha calcolato tuttavia, su dati Eba, che almeno 35 delle 125 'banche significative' vigilate direttamente detengono livelli di deteriorati doppi rispetto alla media della zona euro, e per la maggior parte sono in Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna.

Se in alcuni paesi, aggiunge Fitch, la risoluzione di una o più banche problematiche, se gestita con attenzione, può aiutare il resto del sistema, in altri e in particolare modo in Italia, vi sono ulteriori difficoltà di ordine politico nell'imporre perdite ai creditori considerata la grossa platea di obbligazionisti retail domestici.

Secondo il direttore generale dell'Abi Giovanni Sabatini le linee guida della Bce contribuiscono invece a fare chiarezza sulle strategie da adottare, che possono essere differenziate, e non aggiungono ulteriore pressione sulle banche.

In una nota di commento alla posizione di Fitch, Sabatini ricorda infatti che per ridurre i crediti deteriorati "non esiste solo la cessione forzata a prezzi di liquidazione" ma anche la "gestione interna, la cartolarizzazione e/o un mix di delle varie opzioni.

Inoltre "la strategia, se credibile e supportata da una adeguata governance e adeguate procedure, richiede del tempo per essere attuata".

.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

potrebbe essere possibile per alcune banche se rigorosa condizioni sono soddisfatte.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below