Grecia, creditori vogliono adozione misure fiscali per 2% Pil

venerdì 10 febbraio 2017 12:49
 

ATENE, 10 febbraio (Reuters) - I creditori della Grecia vogliono che il paese prenda ulteriori misure fiscali pari all'1% del Pil ora e per un altro 1% dopo il 2018, nel tentativo di mettere fine allo stallo nella revisione del piano di salvataggio.

E' quanto spiegato a Reuters da alcune fonti vicine alle negoziazioni.

Il ministero delle Finanze greco Euclid Tsakalotos dovrebbe incontrarsi con i politici europei oggi a Bruxelles. La revisione del piano di salvataggio è in stallo da mesi per i disaccordi sulle riforme del mercato del lavoro e dell'energia e sugli obiettivi fiscali.

"La proposta include misure per l'1% del Pil da fare ora e un addizionale 1% dopo il 2018 se ce ne fosse bisogno", ha spiegato una delle fonti. "Ma ci potrebbero essere cambiamenti dopo le consultazioni di oggi tra Tsakalotos e le istituzioni".

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Grecia, creditori vogliono adozione misure fiscali per 2% Pil | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    21,274.33
    -0.45%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,531.29
    -0.36%
  • Euronext 100
    1,028.44
    +0.06%