9 febbraio 2017 / 19:11 / 6 mesi fa

Mps chiude 2016 con 3,38 mld di perdite dopo 2,6 mld rettifiche

ROMA, 9 febbraio (Reuters) - Banca Mps ha chiuso il 2016 con una perdita di 3,38 miliardi di euro dopo aver svalutato crediti per 2,59 miliardi.

La banca senese ha chiesto una ricapitalizzazione precauzionale del ministero dell'Economia dopo aver fallito il tentativo di raccogliere 5 miliardi sul mercato alla fine dello scorso anno.

Il capitale core della banca, misurato dal CET1 transitional, è sceso all'8% a fine 2016 dall'11,49 a fine settembre scorso.

La Bce ha individuato una carenza di capitale da 8,8 miliardi, che dovrebbero essere colmati con un intervento pubblico da 6,6 miliardi e dalla conversione di bond subordinati.

Mps ha detto oggi di aver avuto nel 2016 una raccolta di 104,6 miliardi in calo di 14,7 miliardi sul 2015. Il deflusso di raccolta, ha detto la banca, si è arrestato in gennaio.

Mps aveva evidenziato un calo della raccolta commerciale diretta di 6 miliardi dal 30 settembre al 13 dicembre, con punte nei giorni a cavallo del referendum costituzionale del 4 dicembre, che ha portato alla fine del governo di Matteo Renzi, che aveva spinto per una soluzione di mercato per Siena.

Mps ha ridotto i crediti deteriorati netti di circa 4 miliardi di euro da inizio 2016, spiega una nota della banca, principalmente per effetto dell’aumento delle coperture in seguito all’aggiornamento delle policy del credito. Ora le inadempienze probabili sono coperte al 40,3% (circa +1.110 punti base su anno) e le sofferenze al 64,8% (+130 bps a/a)

Siena deve preparare un piano per ricapitalizzarsi che l'Italia deve presentare alla direzione concorrenza della Commissione Ue avere il via libera a far entrare lo Stato nel capitale.

Il piano è ancora in preparazione e dovrebbe ricalcare quello predisposto dalla banca a fine ottobre, che prevedeva la cessione di oltre 27 miliardi di sofferenze lorde per pulire il bilancio. Ci sarà un consiglio della banca il 23 febbraio che potrebbere approvare il piano che il Mef dovrà negoziare con la Commissione per la compatibilità con gli aiuti di Stato. Secondo due fonti che seguono il dossier, serviranno almeno un paio di mesi per aver il via delle autorità europee e vedere lo Stato nel capitale con una quota vicina al 70%.

Nel frattempo la banca resta sospesa dalle quotazioni e sarà riammessa dopo la presentazione del piano, secondo quanto detto a gennaio dal presidente della Consob Giuseppe Vegas.

Gli azionisti singoli della banca sono circa 150.000 e hanno in mano il 55% del capitale, secondo quanto riferito dalla banca nell'assemblea di fine novembre scorso.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below