UniCredit, prezzi cessione sofferenze non saranno benchmark per sistema-manager

giovedì 2 febbraio 2017 12:22
 

MILANO, 2 febbraio (Reuters) - La svalutazione da 8 miliardi che UniCredit ha fatto nel quarto trimestre sui crediti non performing è stata una decisione autonoma del management dovuta al passaggio dalla valutazione basata su modelli interni a quella di mercato e i prezzi delle cessioni di portafogli annunciati con il piano non saranno un benchmark per il sistema.

Lo hanno spiegato il direttore generale Gianni Franco Papa e il Cfo Mirko Bianchi in un'audizione alla Commissione Finanze della Camera.

"I modelli interni davano prezzi e valutazioni che riguardano anche il valore dei collaterali e dei tempi di recupero dei collaterali. Il mercato evidentemente non riconosce queste valutazioni", ha spiegato Papa.

Nel 2016 UniCredit farà complessivamente svalutazioni per 13,2 miliardi di cui 8,1 miliardi da rettifiche crediti che porterà una perdita d'esercizio di 11,8 miliardi.

Contestualmente alla presentazione del piano strategico, ha annunciato accordi per la cessione di due portafogli di sofferenze da 17,7 miliardi a Fortress Investment Group e Pimco.

"L'operazione di pulizia si riferisce principalmente per il 22% a crediti precedenti al 2004 e per il 64% a crediti tra il 2005 e il 2010 e rinvengono da due attività principali: l'acquisizione di Capitalia e l'attività fatta da tutto il sistema bancario tra il 2008 e il 2010 di volume lending quando le banche sviluppavano gli asset sui volumi e non sulla qualità", ha spiegato Papa.

"Non siamo stati forzati da nessuno, non dalla Bce. È stata uan decisione presa a livello manageriale in modo da poter ripartire a nuovo", ha aggiunto.

Bianchi ha poi spiegato che la banca non ha comunicato un prezzo medio di cessione perché si è trattato di un'operazione "molto dettagliata per asset class" e quindi i prezzi a cui il portafoglio è stato ceduto è difficile che diventi un benchmark, "non c'è nessuna notizia" che sia accaduto.

  Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
UniCredit, prezzi cessione sofferenze non saranno benchmark per sistema-manager | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,833.88
    -0.46%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,060.63
    -0.45%
  • Euronext 100
    1,013.91
    -0.33%