Banche Italia, fatti pochi passi avanti in pulizia crediti deteriorati - Bce

martedì 31 gennaio 2017 14:38
 

FRANCOFORTE, 31 gennaio (Reuters) - Le banche italiane hanno fatto pochi passi avanti nel percorso di riduzione dei crediti deteriorati, che costituiscono un freno nella concessione di nuovo credito.

E' quanto mette in evidenza la statistica trimestrale diffusa oggi dalla Banca centrale europea, secondo la quale i quattordici principali istituti italiani avevano in portafoglio 284,4 miliardi di crediti non-performing alla fine di settembre, appena 1,6 miliardi in meno rispetto a tre mesi prima, per quanto siano aumentati gli accantonamenti.

Si tratta dello stock di crediti deteriorati più alto al'interno dell'unione monetaria e corrisponde a un prestito su dieci in Italia e circa un terzo dei crediti problematici in pancia alle 122 banche della zona euro supervisionate dalla Bce.

Nell'intera zona euro i crediti deteriorati ammontavano a circa 1.000 miliardi a fine settembre.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

  Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Banche Italia, fatti pochi passi avanti in pulizia crediti deteriorati - Bce | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    18,806.83
    +1.13%
  • FTSE Italia All-Share Index
    20,608.15
    +1.09%
  • Euronext 100
    939.24
    -0.11%