Referendum non ha immediato impatto negativo su rating sovrano Italia - S&P

lunedì 5 dicembre 2016 11:01
 

MILANO, 5 dicembre (Reuters) - A parere di Standard & Poor's la bocciatura del referendum costituzionale decisa ieri dagli elettori italiani non ha nel breve un impatto negativo sul merito di credito dell'emittente sovrano.

Lo dice una nota dell'agenzia di rating, in cui si spiega che il 'no' alla riforma proposta da Matteo Renzi non implica di per sé una modifica della politica di gestione dei conti pubblici, al di là dei possibili mutamenti del quadro politico.

"La riforma respinta puntava a chiarire la suddivisione delle responsabilità tra governo centrale e governi locali e a trasformare il sistema bicamerale in unicamerale, per snellire gli iter legislativi e facilitare il ruolo esecutivo del governo" scrive S&P.

"Dal punto di vista della stabilità e dell'efficacia politica riteniamo che la riforma sarebbe stata potenzialmente benefica. L'esito del referendum di ieri non ha tuttavia un impatto negativo immediato sul merito di credito dell'Italia".

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Referendum non ha immediato impatto negativo su rating sovrano Italia - S&P | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,095.87
    -0.36%
  • FTSE Italia All-Share Index
    22,162.67
    -0.34%
  • Euronext 100
    967.88
    -0.33%