Poste, vicino conferimento 35% da Tesoro a Cdp - fonti

martedì 24 maggio 2016 17:21
 

ROMA/MILANO, 24 maggio (Reuters) - Il Tesoro intende conferire il 35% di Poste Italiane alla Cassa depositi e prestiti allo scopo di far emergere valore dall'alleanza industriale tra il gruppo postale e la Cdp in vista di un'ulteriore offerta entro l'anno di azioni Poste fino al 30% del capitale.

Lo hanno detto a Reuters quattro fonti finanziarie e vicine al dossier, descrivendo un'operazione che potrebbe essere già esaminata dal consiglio di amministrazione di Cdp convocato per domani.

Ai prezzi attuali il 35% di Poste vale poco più di 3 miliardi di euro.

Il Tesoro, in cambio di questo conferimento di asset, avrebbe azioni da Cdp che farebbe un aumento ad hoc facendo salire l'azionista pubblico a meno dell'85% dall'attuale 80,1%, spiegano le fonti. La quota delle Fondazioni bancarie in Cdp ne risulterebbe diluita di conseguenza.

Non è stato possibile avere dettagli sull'operazione da Tesoro, Cdp e Poste.

Con questa operazione il Tesoro potrebbe avere in prospettiva più dividendi da Cdp e farebbe emergere valore di Poste in vista di un nuovo collocamento, avendo un residuo 30%, che secondo una delle fonti potrebbe essere il prossimo autunno.

Le azioni di Poste Italiane sono in rialzo del 2,1% a 6,83 euro alle 17,20, poco sopra il prezzo dell'Ipo dello scorso ottobre di 6,75 euro.

(Francesca Landini, Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia