Pensioni, a studio interventi su minime e usuranti in linea con Ue - Renzi

martedì 24 maggio 2016 15:41
 

ROMA, 24 maggio (Reuters) - Il governo sta studiando come intervenire nella prossima Finanziaria a favore delle pensioni minime e dei lavoratori impiegati in attività usuranti oltre che per consentire l'anticipo della pensione, con penalizzazioni, per i nati nei primi anni '50 "schiacciati" dalla legge Fornero.

Lo ha detto oggi a Repubblica.it il premier Matteo Renzi precisando che ogni intervento deve avvenire nel solco delle regole europee che impongono un controllo sulle finanze pubbliche.

"Dobbiamo capire se nell'ambito della legge Fornero e delle regole europee possiamo dare alle persone schiacciate dallo scalone, che si sono viste ritardare la pensione di 7-8-10 anni, un anticipo pensionistico, cioè l'Ape. Ci riusciamo? Ne stiamo discutendo, certo chi va via prima deve rinunciare a qualcosa", ha detto il premier che nei giorni scorsi ha parlato di penalizzazioni fino al 4% in base all'assegno.

"Se si possono trovare soluzioni che salvino i conti pubblici e diano un futuro tranquillo, con una leggera decurtazione economica, siamo pronti", ha detto.

"Le pensioni minime sono troppo basse, stiamo valutando un intervento, la discussione è aperta", ha poi aggiunto Renzi aprendo a soluzioni anche per i "lavori particolarmente usuranti".

In passato Renzi aveva detto di voler estendere il bonus di 80 euro a chi ha gli assegni pensionistici più bassi.

"Come tempo ci siamo dati la preparazione della legge di Stabilità, 3-4 mesi", ha concluso.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia