Debito Grecia, Fmi chiede tassi fissi, prolungamento periodo grazia e scadenze

venerdì 20 maggio 2016 17:01
 

BRUXELLES, 20 maggio (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale sollecita i partner della zona euro a prorogare al 2040 il periodo di grazia su tutti i finanziamenti concessi alla Grecia, prolungandono le scadenze al 2080 e garantendo fino al 2045 un tasso fisso.

E' quanto si legge in un documento riservato sulla situazione greca.

"Il primo obiettivo importante è mantenere le necessità lorde di finanziamento entro il 15-20% del Pil... in tutto il periodo delle proiezioni", si legge nel documento visto da Reuters. Le proiezioni arrivano fino al 2060.

"Il secondo è quello di far sì che il debito imbocchi una traiettoria decrescente", si legge ancora.

Per raggiungere questi obiettivi, il Fondo propone che i Paesi della zona euro prolunghino il periodo di grazia su tutti i finanziamanti concessi ad Atene fino al 2040. Si tratterebbe di una proproga di 20 anni per i prestiti erogati con il primo programma di salvataggio, di 17 anni del secondo e di sei anni del terzo e ultimo pacchetto di 'bailout'.

"Servirebbe a mantenere le necessità lorde di finanziamento al di sotto del 20% del Pil fino al 2060,", dice il documento.

Nella parte potenzialmente più controversa della proposta il Fondo chiede che su tutti i dettagli si raggiunga già ora un'intesa, anche se l'accordo di salvataggio è condizionato al raggiungimento di determinate riforme economiche e fiscali.

Ma un gruppo di Paesi della zona euro, capitanati dalla Germania, è contrario a sottoscrivere impegni dettagliati, temendo di perdere potere contrattuale.

A parere dell Fondo la miglior opzione è sarebbe fissare i tassi di interesse già nella fase attuale, in modo da approfittare del calo dei rendimenti.   Continua...