PUNTO 1-Banche,con limite a titoli Stato vendite brusche Stati con rating peggiori-Vegas

lunedì 9 maggio 2016 11:34
 

(Aggiunge dichiarazioni Vegas su quattro banche)

MILANO, 9 maggio (Reuters) - L'introduzione di un limite al possesso di titoli di Stato da parte delle banche, ipotesi in discussione in ambito europeo, avrebbe in astratto l'effetto positivo di dare maggiore efficacia alla politica monetaria.

Ma porterebbe anche ad avvantaggiare gli Stati con rating più elevati e costringerebbe le banche a ridurre "bruscamente e in maniera disordinata" l'esposizione in titoli di Stato con rating peggiori.

Lo afferma Giuseppe Vegas nel suo sesto discorso al mercato, ipotizzando come conseguenza un'ondata di turbolenza e instabilità e un conseguente aumento dei tassi.

Vegas plaude invece ad altre recenti iniziative che hanno coinvolto il settore bancario, a partire dai provvedimenti governativi sul recupero crediti. La riduzione dei tempi di recupero, osserva, "può incrementare i prezzi di cessione dei crediti deteriorati assistiti da garanzia e attenuare gli impatti negativi sul conto economico".

Quanto ad Atlante, senza citarlo direttamente Vegas afferma che iniziative di questo tipo sono di estrema importanza. Potranno infatti "offrire risposte efficaci e immediate ai problemi strutturali delle banche italiane".

Vegas torna nel suo discorso sul tema delle banche salvate e delle polemiche che sono seguite all'operazione. Sottolinea che l'importo delle obbligazioni subordinate delle quattro banche in mano al retail al 30 giugno 2015 era 374 milioni di euro, pari a 1,17% del totale delle obbligazioni subordinate emesse dalle banche italiane detenute dal retail e allo 0,03% del totale degli strumenti finanziari della clientela retail detenuti presso le banche.

L'ultima emissione per il retail risale al 2013, aggiunge Vegas, ricordando che i prospetti erano redatti secondo le regole di trasparenza previste dalla normativa e che il modello di vigilanza Consob è stato esaminato e "promosso" sia dal Fmi che dall'Esma.

  Continua...