Bond subordinati banche italiane in calo su fallita Ipo Pop Vicenza

martedì 3 maggio 2016 17:17
 

LONDRA, 3 maggio (Reuters) - Il debito subordinato delle banche italiane è in ribasso in scia al fallimento del collocamento in Borsa della Banca Popolare di Vicenza.

Il bond Tier2 da 200 milioni settembre 2025 cedola 9,5% di Popolare di Vicenza è passato da un rendimento del 10,7% alla fine della settimana scorsa ad area 11,8% oggi (con un prezzo in area 92,35).

Andamento analogo per il titolo con caratteristiche simili di Veneto Banca, il cui rendimento è salito dall'11,3% di fine settimana scorsa all'11,9% odierno (prezzo 91,75).

Commentando la fallita Ipo di Popolare Vicenza, che lascia il fondo Atlante con oltre il 90% del capitale dell'istituto, un banchiere, citato dal servizio Ifr di Thomson Reuters, sottolinea che "il fondo è stato creato per gestire il problema delle sofferenze italiane, ma con quello che ha speso per la Vicenza e quello che dovrà probabilmente spendere per Veneto banca, non rimarranno molti soldi per gli Npl".

Tuttavia, nonostante il calo di queste ultime sedute, i prezzi della carta subordinata restano lontani dai minimi di febbraio, quanto i titoli di Popolare Vicenza e Veneto Banca scesero sotto quota 60.

La creazione del fondo Atlante non ha mancato di avere effetti positivi sul mercato del debito bancario italiano, permettendo la settimana scorsa a Ubi Banca di collocare un Tier2 decennale da 750 milioni, con cedola al 4,25% .

"C'è un po' di nervosismo riguardo l'impatto che il fallimento dell'Ipo della Vicenza potrebbe avere sulle banche italiane che emettono sul mercato" aggiunge il banchiere. "Molti investitori si sono scottati scommettendo troppo prematuramente su storie di rilancio delle banche e il fondo Atlante non risolve alla fine niente. Ha ricapitalizzato una banca debole ma indebolito quelle più forti".

Il titolo Additional Tier1 (perpetuo) di Intesa Sanpaolo , cedola 7%, lanciato a gennaio scambia oggi a 95,70, per un rendimento dell'8,11%, contro il 7,88% della fine della scorsa settimana.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia