Titoli Stato, serve limite concentrazione in bilanci banche-Weidmann

martedì 26 aprile 2016 18:50
 

MILANO, 26 aprile (Reuters) - E' necessario introdurre quanto prima una nuova regolamentazione sui titoli di Stato detenuti dalle banche, che preveda una copertura di capitale da parte degli istituti e limiti all'ammontare delle obbligazioni del singoli Paesi detenuti da una banca.

E' quanto afferma in un discorso presso l'ambasciata tedesca a Roma il presidente della Bundesbank Jens Weidmann, secondo cui la nuova normativa dovrebbe essere preceduta da un periodo di transizione.

Il governo italiano ha in più di un occasione dichiarato la propria ostilità all'introduzione di tali limiti. Una serie di proposte in questo senso sono state respinte dall'Ecofin tenutosi ad Amsterdam sabato scorso.

Ma Weidmann insiste e definisce "assurda" l'ipotesi formulata prima della crisi che consente di trattare i titoli di Stato come privi di rischio: "i titoli di Stato nei bilanci delle banche devono essere coperti da capitale proprio", come avviene per i crediti emessi a favore dei privati, si legge nel testo dell'intervento.

Secondo il numero uno della Bundesbank, adottando una regolamentazione che impedisca una concentrazione dei titoli di Stato di un solo Paese nelle banche dello stesso Stato, "si riuscirebbe a dissolvere lo stretto legame tra banche e Stato e in caso di emergenza sarebbe possibile intraprendere il percorso della ristrutturazione del debito senza portare al fallimento il sistema finanziario".

"Questo tipo di regolamentazioni dovrebbe naturalmente essere introdotto con un periodo di transizione. E proprio perché avremo bisogno di tale periodo è importante procedere alquanto prima", ammonisce Weidmann, ricordando come tale normativa sia un "presupposto importante per la possibile introduzione di un fondo comune europeo di garanzia dei depositi".

(Elvira Pollina)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia