Fondo per banche, non se ne è mai discusso con Ue - Gros-Pietro

mercoledì 6 aprile 2016 10:52
 

MILANO, 6 aprile (Reuters) - L'ipotesi di un nuovo fondo di tipo privatistico per il sostegno del settore bancario italiano affrontata ieri in una riunione a Palazzo Chigi non è stata al momento ancora discussa con l'Unione europea.

Lo ha detto il presidente del Consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro, a margine del Salone del risparmio a Milano, aggiungendo che questo nuovo veicolo andrebbe ad affiancarsi allo schema dei Gacs recentemente varato.

I vertici di Intesa hanno partecipato alla riunione di ieri insieme a quelli Unicredit, Ubi, governo, Bankitalia, Cdp e Acri.

Il tema in discussione "non è stato mai trattato a livello sovranazionale", ovvero come "accompagnare i creditori nel loro rapporto con le banche" ha affermato Gros-Pietro. "I Gacs sono uno strumento per un particolare tipo di problema. Qui è opportuno mettere in sicurezza un sistema più ampio di crediti che sono in difficoltà ma che sono buoni".

Il presidente del Cdg di Intesa Sanpaolo ha inoltre auspicato che non si proceda ad un "recupero accelerato ed energico" dei crediti problematici, che metterebbe in difficoltà le banche e i loro clienti, soprattutto le Pmi, quelle maggiormente gravate dalle sofferenza.

"Le Pmi si stanno riprendendo. Non avrebbe senso cedere questi crediti a prezzi che sono solitamente pagati dai fondi avvoltoi" ha detto.

(Giulio Piovaccari)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia