18 marzo 2016 / 17:48 / 2 anni fa

PUNTO 1-Italia, Dbrs conferma rating, bene governo su conti, riforme

(Aggiunge dettagli da comunicato, cambia titolo)

MILANO, 18 marzo (Reuters) - Dbrs ha confermato il proprio rating sovrano di lungo periodo sull‘Italia a A(low), con trend, ovvero con outlook, ‘stabile’.

Lo si apprende da una nota dell‘agenzia, una delle quattro seguite dalla Bce.

Dbrs spiega che il rating italiano è sostenuto dall‘impegno del governo sul fronte fiscale, come evidenziato dalla posizione di bilancio “relativamente buona” a confronto con gli altri paesi dell‘area euro, e dai “progressi” nel compimento delle riforme strutturali e istituzionali.

L‘agenzia sottolinea poi la dimostrata “flessibilità” dell‘Italia nelle gestione del debito, il livello relativamente basso del debito del settore privato, l‘ampiezza dell‘economia italiana e il sistema pensionistico “ben finanziato”.

Tuttavia, prosegue la nota, tali elementi di supporto del rating sono controbilanciati da criticità “significative”, quali l‘esposizione a shock esterni, l‘alto debito pubblico e la bassa crescita potenziale.

ITALIA ESPOSTA A SHOCK ESTERNI, BASSA CRESCITA

Dbrs spiega che l‘outlook stabile riflette rischi “nel complesso bilanciati” grazie alla ripresa in atto, nonostante le incertezze del contesto esterno.

“Se i progressi continui sul fronte fiscale dovessero portare a una significativa riduzione del rapporto debito/Pil, ciò dovrebbe garantire pressioni al rialzo sui rating” scrive l‘agenzia. “D‘altra parte, un più debole impegno politico sul consolidamento fiscale e sull‘agenda di riforme, o una determinante revisione al ribasso delle prospettive di crescita, dovuta sia a shock esterni sia a un indebolimento della domanda interna, potrebbe portare a un trend ‘negativo’”.

Dbrs ha confermato anche il rating italiano di breve periodo, a R-1(low), sempre con outlook stabile.

Tutte e quattro le agenzie seguite dalla Bce (oltre a Dbrs: S&P, Moody’s e Fitch) hanno al momento un rating ‘investment grade’ sull‘Italia, con outlook stabile. La valutazione di Dbrs è la più alta; un eventuale abbassamento del rating da parte di quest‘ultima comporterebbe una valutazione più severa sui titoli di Stato italiani portati come collaterale nelle operazioni di rifinanziamento in Bce.

Il prossimo pronunciamento in calendario sul rating sovrano dell‘Italia sarà quello di Fitch del 22 aprile; seguirà S&P il 13 maggio.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below