Banche, positivo trend impieghi a famiglie e imprese, giù sofferenze nette - Abi

martedì 15 marzo 2016 15:00
 

ROMA, 15 marzo (Reuters) - Gli impieghi delle banche italiane a famiglie e imprese sono cresciuti lievemente a febbraio mentre risultano in calo a fine gennaio le sofferenze al netto delle svalutazioni effettuate.

Lo si legge nel rapporto mensile dell'Abi, che da due mesi non fornisce più il dato sulle sofferenze lorde del sistema.

Gli impieghi alle famiglie e imprese hanno mostrato una variazione lievemente positiva pari a +0,04% annuo, dopo essere calati su base annua a gennaio dello 0,6%. Il totale del credito delle banche italiane, che include anche quelli alla pubblica amministrazione, è salito dello 0,6% a febbraio.

Lo stock dei mutui in essere a gennaio 2016 è salito su base annua dello 0,8%. Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,40% toccando il minimo storico (2,49% il mese precedente; 5,72% a fine 2007). Sul totale delle nuove erogazioni di mutui circa i due terzi sono mutui a tasso fisso.

Le sofferenze nette a fine gennaio sono state pari a 83,6 miliardi in riduzione di oltre 5 miliardi dagli 89 miliardi visti a fine dicembre. In rapporto agli impieghi, le sofferenze nette sono a gennaio il 4,64% dal 4,94% di dicembre.

A febbraio sono saliti i depositi, del 3,5% su base annua pari a 44,5 miliardi, mentre la raccolta a medio lungo termine è scesa del 14,4% pari a un calo di 62,3 miliardi di euro. In totale quindi la raccolta complessiva è scesa a febbraio dell'1% su anno.

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia