BTP in negativo su prese profitto dopo rally, spread sale a 107 pb

martedì 15 marzo 2016 12:00
 

MILANO, 15 marzo (Reuters) - Secondario italiano in
territorio negativo in tarda mattinata, in un trend che ricalca
buona parte del comparto periferico, in una seduta dai volumi
leggeri che vede gli investitori prendere profitto dopo il rally
degli ultimi giorni. 
    ** Nelle ultime due sedute il secondario si è mantenuto in
territorio positivo sostenuto dalla buona accoglienza del
mercato al corposo pacchetto di misure varato la scorsa
settimana dalla Bce.
    ** Alla decisione di Francoforte è seguita oggi quella della
Banca del Giappone che, come da attese, ha lasciato la propria
politica monetaria invariata pur tracciando un quadro più grigio
dell'economia e sottolineando che i rischi internazionali sulla
congiuntura potrebbero giustificare in futuro nuove misure
espansive. Lo scorso gennaio, l'istituto centrale nipponico ha
tagliato a sorpresa i tassi portandoli in territorio negativo.
    
    ** Domani si conoscerà invece l'esito del meeting della Fed,
da cui gli investitori si aspettano dettagli utili a definire
modalità e tempistiche di eventuali nuovi rialzi dei tassi nel
corso dell'anno, mentre giovedì sarà la volta della Banca di
Inghilterra.
    ** "Il calo di oggi è frutto di prese profitto dopo il rally
degli ultimi due giorni, in un contesto che vede volumi leggeri.
Ridimensionerei invece l'attesa per il meeting Fed le cui
decisioni non hanno un impatto così determinante per l'Italia",
sintetizza un operatore di una primaria banca italiana.
    ** Attorno alle 12, il differenziale di rendimento tra Btp e
Bund sul tratto a 10 anni sale a 107 punti base dai 103 del
finale di seduta di ieri, complice il fatto che il Bund sia
passato in lieve rialzo dopo un avvio in negativo. In parallelo,
il tasso del decennale si porta a 1,35% da 1,31% dell'ultima
chiusura. 
    ** Sul fronte del primario, la Spagna ha collocato 2,93
miliardi di titoli di Stato a 3 e 9 mesi in un'asta che ha visto
tassi in calo. 
    ** Giunti da Bankitalia, i dati relativi al portafoglio
esteri hanno fotografato a dicembre un calo del controvalore del
portafoglio di titoli di Stato italiani detenuti da investitori
stranieri. In base a calcoli Reuters sui dati di Bankitalia, la
quota dei titoli del debito pubblico italiano in mano ad
investitori esteri passa al 38,2% del totale in dicembre dal
38,5% del mese precedente. 
    
    
=========================== 12,00 ==============================
 FUTURES BUND GIU.                     161,68   (+0,04)  
 FUTURES BTP GIU.                      139,28   (-0,44)  
 BTP 2 ANNI  (GEN 18)                 101,430  (-0,029)  -0,031%
 BTP 10 ANNI (DIC 25)                 105,966  (-0,387)  1,346%
 BTP 30 ANNI (SET 46)                 115,474  (-0,457)  2,535%
 
========================= SPREAD (PB)===========================
 
 ---------------------  ---------------  ----------   PRECEDENTE
                                                      
 TREASURY/BUND 10 ANNI                           166         164
 BTP/BUND 2 ANNI                                  44          43
 BTP/BUND 10 ANNI                                107         103
 minimo                                        102,1       102,0
 massimo                                       107,8       107,0
 BTP/BUND 30 ANNI                                153         150
 BTP 10/2 ANNI                                 137,7       135,0
 BTP 30/10 ANNI                                118,9       120,8
 ================================================================
   
     Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia