BTP ritracciano dopo fiammata post Bce, Draghi segnala limiti su tassi

giovedì 10 marzo 2016 17:48
 

MILANO, 10 marzo (Reuters) - Chiusura in calo per
l'obbligazionario italiano, che ha ritracciato dopo il rally
innescato dall'amplimento delle misure di stimolo da parte della
Banca centrale europea, la quale ha però segnalato di non avere
infiniti margini di manovra sui tassi. 
     ** Francoforte ha annunciato l'aumento dell'importo di
acquisti mensili condotti nell'ambito del quantitative easing,
che sale a 80 miliardi dai 60 miliardi attuali e si allarga ai
corporate bond a rating più elevato.
    ** La Bce inoltre ha tagliato tutti e tre i tassi
d'interesse di riferimento. In particolare ha azzerato il
rifinanziamento principale e spinto il tasso dei depositi in
territorio ancora più negativo.
    ** Le misure sono andate oltre le aspettative di buona parte
del mercato. Il rally iniziale ha spinto il tasso del benchmark
Btp 2 anni al minimo storico di -0,09% mentre il
rendimento del Btp è sceso al minimo da aprile 2015, fino a
1,28%.
    ** Ma d'altra parte, il numero uno Bce Mario Draghi nel
corso della conferenza stampa ha segnalato come la Bce non abbia
margini infiniti sui tassi e non potrà addentrarsi troppo in
territorio negativo. 
    ** A detta degli addetti ai lavori, è stata questa
puntualizzazione a innescare le prese di profitto del mercato.
"Draghi ha ribadito il proprio impegno a contrastare la bassa
inflazione, ha detto di non aver esaurito le armi a disposizione
ma sui tassi i margini di manovra ora sono più limitati", dice
un dealer di una banca italiana specialista.
    ** Intorno alle 17,15 il tasso del decennale italiano sale a
1,45% da 1,411% della chiusura di ieri. 
    ** Lo spread con l'analoga scadenza del Bund, sceso ai
minimi dall'inizio dell'anno fino a 104 punti base, in chiusuura
attesta a 116 punti base da 117 punti base di ieri sera,
complice la contemporanea marcata correzione della carta
tedesca.
    ** Il focus si sposta ora sui collocamenti a medio-lungo
termine in agenda domani: il Tesoro mette a disposizione fino a
7,5 miliardi complessivi del nuovo Btp a 7 anni marzo 2023
(cedola 0,95%) e delle riaperture sul 3 e sul 15 anni
. 
    ** Sul mercato grigio di Mts il nuovo 7 anni 
gira in area 0,90%, in riavvicinamento al minimo storico di
0,71% di marzo 2015. Sul secondario l'ottobre 2018
 tratta in negativo a -0,08%: si tratterebbe del
nuovo minimo storico per il titolo. Il marzo 2032
 scambia a 1,96% dal precedente 2,08%.
    ** Stamane intanto il Tesoro ha collocato 6 miliardi di euro
di Bot a 12 mesi (su 6,5 in scadenza), al rendimento di -0,068%,
il secondo più basso di sempre dopo il minimo storico di -0,074%
registrato nell'asta di gennaio.
            
=========================== 17,20 ==============================
 FUTURES BUND GIU.                     161,37   (-0,84)  
 FUTURES BTP GIU.                      138,20   (-0,21)  
 BTP 2 ANNI  (GEN 18)                 101,450  (-0,049)  -0,039%
 BTP 10 ANNI (DIC 25)                 104,995  (-0,351)  1,453%
 BTP 30 ANNI (SET 46)                 113,609  (-0,473)  2,635%
 ========================= SPREAD (PB)===========================
 
 ---------------------  ---------------  ----------   PRECEDENTE
                                                      
 TREASURY/BUND 10 ANNI                           163         164
 BTP/BUND 2 ANNI                                  42          48
 BTP/BUND 10 ANNI                                116         118
 minimo                                        113,0       117,5
 massimo                                       119,0       122,8
 BTP/BUND 30 ANNI                                158         161
 BTP 10/2 ANNI                                 149,6       147,5
 BTP 30/10 ANNI                                118,2       120,0
 ================================================================
    Ù 
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia