Italia resta sorvegliata speciale su debito, serve maggiore surplus primario -Ue

martedì 8 marzo 2016 17:09
 

MILANO, 8 marzo (Reuters) - L'Italia continua a sperimentare
squilibri macro che la Commissione europea giudica eccessivi: in
un orizzonte di lungo termine, il cumulo del debito pubblico e
l'anemica dinamica della produttività comportano rischi che
potrebbero avere rilevanza anche a livello di zona euro.
    Il nuovo monito Ue si concentra in particolare sul debito.
    "Nel caso di Belgio, Finladia e Italia la Commissione
prosegue lo stretto monitoraggio sul rispetto dei parametri del
debito, sottolinea ndo l'importanza degli aggiustamenti
strutturali raccomandati. La situazione verrà nuovamente
valutata a maggio sulla base dei dati definitivi relativi al
2015, dei prossimi programmi di stabilità e delle stime di
primavera [della Commmissione]" scrive l'esecutivo in una
comunicazione a Parlamento e consiglio Europeo, Bce ed
Eurogruppo sullo stato di riforme e squilibri macroeconomici nei
diversi paesi. 
    Come prevede la procedura del semetre Ue, Bruxelles fa il
punto sulla congiuntura e sui conti pubblici dell'Unione.
    Insieme a Belgio, Francia, Portogallo e Ungheria l'Italia
resta nella categoria classificata come 'excessive imbalance'. 
    La ricetta per la riduzione del debito proposta da Bruxelles
è la più classica: aumento dell'avanzo primario e crescita
economica più sostenuta.
    "Nonostante la moderazione della dinamica salariale la
competitività rimane debole e la dinamica della produttività è
in fase di deterioramento, impedendo un aggiustamento dei costo
del lavoro unitario. Sui bilanci delle banche pesano le
sofferenze" continua.

    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia