RPT-Banche Italia, Gacs inefficace su Npl se non si riducono tempi recupero - Fitch

martedì 8 marzo 2016 14:34
 

(Aggiunge 'benefici' in primo paragrafo)

MILANO, 8 marzo (Reuters) - Lo schema sulle cartolarizzazione delle sofferenze annunciato lo scorso mese difficilmente potrà avere significativi benefici sui bilanci delle banche italiane fino a quando non si accorceranno i tempi di recupero dei crediti.

E' quanto sostiene Fitch in un report che analizza l'impatto delle nuovo piano sul mercato dei non-performing loan.

L'agenzia di rating sottolinea in particolare come il principale ostacolo allo sblocco del mercato delle sofferenze sia quello dei tempi di recupero attualmente troppo lunghi rispetto agli altri paesi Ue.

Fitch stima in media un periodo di sette anni con picchi di dodici o tredici anni in alcune regioni meridionali del paese, e in questo contesto dice che le nuove normative sui fallimenti e sul regime fiscale sulle svalutazione dei crediti non hanno ancora favorito in modo significativo le operazioni di cessione delle sofferenze o accelerato i tempi di recupero.

Il meccanismo che guida lo schema sulle cartolarizzazioni delle sofferenze, denominato Gacs, "appare troppo complicato e costoso e i tempi di implementazione sembrano lunghi", dice Fitch aggiungendo che alcune banche tra quelle sottoposte al rating hanno affermato che l'elevato costo per le operazioni riduce l'incentivo a utilizzare il nuovo schema.

"A nostro parere, la partecipazione allo schema è incerto e l'obiettivo di 70 miliardi di euro del governo è ambizioso", dice Fitch.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia