Monetario, eccesso liquidità sale a 512 mld, brevissimo su livello depositi

venerdì 11 settembre 2015 12:23
 

MILANO, 11 settembre (Reuters) - Tassi a brevissimo ancora saldamente in negativo sul mercato monetario, in un contesto che vede l'eccesso di liquidità in aumento rispetto alla settimana scorsa.

Poco dopo dopo le 12 su General Collateral Italia l'overnight scambia a -0,20%, il tom/next a -0,17% e lo spot/next a -0,17%, ben sotto lo 0,05% del riferimento Bce per il costo del denaro e nei pressi di -0,20% fissato da Francoforte per i depositi.

"La situazione in generale è abbastanza stabile e senza particolari spunti di riflessione rispetto a quanto visto la settimana scorsa. I tassi sono abbastanza 'flat' e schiacciati verso la 'deposit facility'", commenta il tesoriere di una banca italiana.

L'eccesso di liquidità, secondo la stima dell'operatore, si è attestato in settimana a 512 miliardi di euro, in aumento di rispetto alla scorsa.

A inizio mese, Mario Draghi per la prima volta ha fatto riferimento a un possibile prolungamento del programma di acquisto di titoli di Stato della Bce oltre settembre 2016, in uno scenario destinato a concretizzarsi per la maggior parte degli economisti interpellati in un sondaggio Reuters sul tema.

"In termini di eccesso di liquidità abbiamo superato soglia dei 500 miliardi di euro e ieri, in particolare, eravamo a quota 512 miliardi. E' un dato destinato a crescere nella misura in cui il 'quantitative easing' prosegue, in un trend che dovrebbe restare questo", spiega il tesoriere.

Nel finanziamento settimanale di martedì scorso, la Bce ha assegnato fondi per 70,909 miliardi contro i 71,040 miliardi in scadenza.

Una qualche riduzione nell'eccesso di liquidità si potrà verificare in occasione dei riversamenti fiscali italiani della settimana prossima, dal 16 al 23 settembre.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia