Brasile, S&P taglia rating a 'junk'

giovedì 10 settembre 2015 08:11
 

RIO DE JANEIRO, 10 settembre (Reuters) - Standard & Poor's ha declassato a livello 'junk' il merito di credito del Brasile, compromettendo i risultati degli sforzi della presidente Dilma Rousseff di riguadagnare la fiducia degli investitori e di traghettare la maggiore economia dell'America Latina fuori della recessione.

L'agenzia ha tagliato il rating del Paese a 'BB+', il livello più alto della categoria 'junk', dal precedente 'BBB-'.

Il downgrade con ogni probabilità oggi metterà sotto pressione i mercati finanziari del Brasile e aumenterà il costo del denaro per il governo e le società del paese.

S&P aveva messo in guardia meno di due mesi fa sulla possibilità di un declassamento ma la mossa, insolitamente rapida, sottolinea la velocità a cui si sono deteriorate da allora l'economia e le finanze pubbliche del Brasile. L'outlook sul nuovo rating resta negativo, a indicare che ulteriori downgrade sono possibili nel breve termine.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia