Pensioni, intervento in prossimi mesi, a somma zero - Renzi

lunedì 7 settembre 2015 18:37
 

ROMA, 7 settembre (Reuters) - Matteo Renzi spera che l'esecutivo possa intervenire nei prossimi mesi per introdurre maggiore flessibilità nell'uscita dal lavoro e nell'accesso alla pensione, ma avverte che l'impatto sul bilancio dello Stato deve essere nullo.

Intervenendo alla registrazione del programma di Rai Uno Porta a porta, il presidente del Consiglio esclude che con la prossima legge di Stabilità, attesa a metà ottobre, il governo rimetta mano alla riforma previdenziale di fine 2011.

"Ho letto che ci siamo fermati, ma non siamo nemmeno partiti... Si annuncia qualcosa solo quando siamo sicuri di farlo", ha risposto Renzi alal domanda se ci sarà un intervento sulle pensioni o se è vero che il governo si sarebbe fermato su questa ipotesi, come ha scritto ogi un quotidiano.

"Oggettivamente dobbiamo trovare un meccanismo per cui chi vuole andare un po' prima rinunciando a un po' di solidi possa farlo. Dipende da quanto prima e quanti soldi", ha aggiunto.

Alla domanda su quando il governo interverrà Renzi risponde così: "Spererei di farlo comunque nelle prossime settimane e mesi. Se [gli italiani] sono disponibli ad andare prima e io ti riduco l'importo di tot, per lo Stato deve essere a somma zero. Sono ottimista su questo".

In vista della manovra, che ha un valore di circa 25-30 miliardi, Renzi ribadisce l'impegno ad ottenere dall'Europa maggiore flessibilità ,ma non chiarisce di quanto potrà aumentare l'indebitamento netto.

"Possiamo far fronte ai nostri impegni. Spero di avere un deficit il prossimo anno che non sia l'1,4% che prevede il Fiscal compact" , ha detto il presidente del Consiglio.

(Francesca Piscioneri)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia