PUNTO 1-Italia può chiedere a Ue maggiore flessibilità su deficit -Padoan

domenica 6 settembre 2015 14:05
 

(aggiunge dettagli)

CERNOBBIO, 6 settembre (Reuters) - La Commissione europea ha chiarito all'Italia che l'utilizzo della clausola sugli investimenti non è alternativo all'uso di quella sulle riforme per ottenere maggiore flessibilità in materia di deficit.

Lo ha detto a Reuters il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan.

"Ci dicono dalla Commissione che si può" ha risposto il ministro a una domanda sul possibile esercizio delle due clausole nello stesso anno.

"Come paese faremo di tutto per poter utilizzare al meglio le nuove misure, compresa la clasuola sugli investimenti. La Ue richiede però che si siano co-finanziamenti agli investimenti. Il problema è identificare misure di co-finanziamento europeo" spiega.

Grazie all'esercizio della clausola sulle riforme l'Italia ha già ottenuto uno sconto dello 0,4% sugli obiettivi di riduzione del deficit del'anno prossimo, che nel Documento di economia e finanza presentato ad aprile è indicato a 1,8% in rapporto al Pil.

Il governo italiano ha un dialogo franco e costruttivo con Bruxulles sul tema della flessibilità degli obiettivi di disavanzo pubblico, ha assicurato l'ex capoeconomista dell'Ocse, confermando di aver incontrato durante il G20 di Ankara il commissario europeo agli Affari monetari Pierre Moscovici e il vicepresidente della commissione europea Valdis Dombroviskis..

"Si è parlato di clausola di flessibilità. Moscovici ha chiesto come intendiamo utilizzarla. La utilizzeremo al meglio, con margini condivisi da tutti", ha affermato Padoan ai microfoni di Rainews 24.

(Elvira Pollina, Luca Trogni)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia