Prelios avrà 70-85% Centauro dopo scorporo ma solo 25% diritti voto

venerdì 4 settembre 2015 18:15
 

MILANO, 4 settembre (Reuters) - Prelios deterrà tra il 70 e l'85% del capitale economico di Centauro, la società di nuova costituzione che raccoglierà le attività di investimento, e solo il 25% dei diritti di voto.

E' quanto spiegato dall'amministratore delegato Sergio Iasi durante la conference call con gli analisti per illustrare i dettagli del progetto di scorporo del portafoglio investimenti dalla piattaforma servizi annunciato ad agosto e dell'aumento di capitale correlato.

La ricapitalizzazione da 66,5 milioni dovrà ricevere il via libera dall'assemblea convocata oggi per il prossimo 16 ottobre.

L'aumento di capitale, come spiegato nelle slide, dovrebbe tenersi entro fine anno o gennaio 2016. I proventi saranno utilizzati per 48 milioni per ripagare il debito, per 12 milioni per sostenere le attività legate ai servizi e per 6,5 milioni per riacquistare il 10% detenuto da Intesa Sanpaolo nella Sgr, salendo così a 100%.

"Con la convocazione dell'assemblea sull'aumento possiamo dire conclusa la fase emergenziale di ristrutturazione profonda della società e possiamo considerarci fuori dalle secche", ha detto Iasi in apertura della conference call.

Al termine dell'operazione di scorporo e aumento di capitale la società avrà una posizione finanziaria netta vicino allo zero, in linea con gli standard delle società che forniscono servizi, si legge nelle slide.

Oggi Iasi e gli altri amministratori della società hanno rassegnato le dimissioni con effetto a partire dalla prossima assemblea di ottobre, che probabilmente però li rinominerà al vertice.

Rispondendo a una domanda di un analista sulla riconferma del management del gruppo, Iasi ha infatti messo in evidenza un passaggio del comunicato di oggi che così recita: "alla luce delle interlocuzioni intercorse con i principali azionisti, con particolare riferimento alla sottoscrizione del previsto aumento di capitale, la società è confidente che, in sede di rinnovo del consiglio di amministrazione, verrà garantita la necessaria continuità amministrativa e gestionale".

L'AD ha poi aggiunto che questo riguarderà anche le società operative.   Continua...