Bce accetterà raggruppamenti prestiti come collaterale da banche

lunedì 31 agosto 2015 13:05
 

FRANCOFORTE, 31 agosto (Reuters) - La Bce ha annunciato l'introduzione dei raggruppamenti di prestiti nelle tipologie di asset che gli istituti di credito possono portare come collaterale nelle operazioni finanziamento in banca centrale.

Nel dettaglio, la nuova classe di asset è denominata 'non-marketable debt instruments backed by eligible credit claims' ovvero DECCs.

La decisioni punta ad espandere il collaterale a disposizione delle banche al fine di stimolare l'attività di credito.

In un primo momento - comunica la Bce - le banche potranno utilizzare solo attivi domestici, che abbiano cioè come sottostante crediti emessi e detenuti nel proprio paese. Tale restrizione rimarrà in vigore fino a che le banche centrali nazionali dell'Eurosistema non avranno introdotto una piena regolamentazione per questo tipo di attivi, attesa all'inizio di novembre.

Secondo quanto spiega a Reuters una fonte finanziaria, i DECCs sono "prestiti confezionati e scambiati dalle banche in blocchi", una categoria di asset "ibridi" con caratteristiche diverse sia dai covered bond sia dagli Abs, recentemente introdotti soprattutto dalle banche francesi ma al momento non presenti nel sistema bancario italiano.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia