PUNTO 1-Fs, in privatizzazione mantenere "unitarietà sistema" - Elia

lunedì 24 agosto 2015 14:13
 

(Aggiunge Delrio)

RIMINI, 24 agosto (Reuters) - L'AD di Fs Michele Elia conferma la diversità di vedute fra azienda e governo sulle modalità di privatizzazione del gruppo ferroviario, con l'Ipo prevista nei piani del governo per il 2016, ribadendo la sua posizione sulla necessità di mantenere l'"unitarietà" della azienda anche in questa fase.

Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio, anche lui presente al Meeting di Cl a Rimini, ha oggi ripete che a suo parere la rete ferroviaria va scorporata e non deve entrare nella parte della società che sarà messa sul mercato.

"Sin dall'inizio noi delle Fs abbiamo cercato di mantenere l'unitarietà del sistema: gestione della rete e impresa ferroviaria con l'alta velocità, trasporto media-lunga percorrenza, trasporto locale, trasporto merci", ha detto Elia rispondendo a una domanda dei cronisti a margine del Meeting di Cl in corso a Rimini.

"La decisione finale spetta al ministero azionista [Economia, guidato da Pier Carlo Padoan] e al dicastero vigilante [Infrastrutture e Trasporti, guidato da Delrio]. Noi stiamo lavorando con gli adviser al piano industriale cercando la soluzione migliore", ha detto Elia.

"Per noi ferrovieri l'unitarietà del sistema rappresenta un valore aggiunto, i nostri competitor, le imprese ferroviarie in Francia e Germania, hanno mantenuto l'unitarietà. Poi la privatizzazione dipenderà dal governo e dalle circostanze: la gestione della rete e impresa ferroviaria insieme mantengono alta l'innovazione e lo sviluppo", ha aggiunto l'AD di Fs.

Elia, nella sua posizione, rispecchia quella del ministro dell'Economia Padoan che insiste perché i tempi dell'Ipo siano rispettati senza intralci. Delrio invece, come il presidente dell'azienda Marcello Messori, insiste perché prima sia attuata la separazione societaria e gestionale della rete.

In una conferenza stampa successiva all'intervento di Elia, Delrio - sollecitato dai giornalisti - è tornato sul tema: "Sono fautore del fatto che le reti restino di proprietà pubblica. Del resto nell'unico esempio che abbiamo avuto di privatizzazione totale di una rete abbiamo problemi enormi di manutenzione e di sviluppo".

Il ministro ha poi confermato che una decisione per Fs non è stata ancora presa e che "c'è un confronto in atto" nel governo: "Dobbiamo rafforzare l'orizzonte dell'azienda Fs che può intercettare finanziamenti di mercato senza rinunciare a investimenti di medio e lungo periodo".   Continua...