Germania vista in forte crescita in sem2, Cina preoccupa - Bundesbank

lunedì 17 agosto 2015 13:43
 

FRANCOFORTE, 17 agosto (Reuters) - La crescita tedesca resterà sostenuta nella seconda metà dell'anno, sulla scia dell'aumento di consumi e della crescita dell'export, ma le prospettive globali sono offuscate dal crescente rischio di un significativo rallentamento economico in Cina. Lo ha detto oggi la Bundesbank.

Le ottimistiche previsioni arrivano dopo che la Germania ha riportato venerdì scorso solide sebbene non spettacolari cifre sulla crescita, che hanno mostrato un Pil in espansione dello 0,4% nel secondo trimestre, poco al di sotto delle stime per uno 0,5%.

"Nelle prospettive odierne sembrano esserci le condizioni per supportare una crescita relativamente forte, guidata sia dalla domanda interna sia da quella estera" ha detto l'istituto.

Ottimismo da parte della Bundesbank anche sulla Grecia con l'idea che l'economia migliorerà gradualmente, beneficiando del bailout, delle entrate del turismo e degli investimenti finanziati dall'Esf.

Il Parlamento tedesco voterà mercoledì il via libera al finanziamento da 86 miliardi di euro. In Germania l'approvazione non è in discussione grazie al contributo di Spd e Verdi ma al Bundestag sarà sotto osservazione il comportamento dei deputati dalla Cdu/Csu. La platea dei contrari potrebbe allargarsi, sancendo una netta divisione dei conservatori guidati da Merkel, la quale resta molto popolare dopo dieci anni in carica.

Maggiore cautela ha mostrato la Bundesbank sulla Cina, che la scorsa settimana ha deprezzato la sua valuta sollevando i timori che le prospettive siano peggiori di quanto precedentemente atteso con la crescita ai suoi minimi di un quarto di secolo.

"I rischi di un rallentamento economico maggiore restano alti" ha detto la Bundesbank. "La decisione della banca centrale cinese di permettere il deprezzamento dello yuan contro il dollaro può essere vista come prova dell'incertezza".

- Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia