SINTESI-Italia, superata emergenza Grecia tornano emissioni bond

martedì 21 luglio 2015 15:49
 

(accorpa pezzi)

MILANO/LONDRA, 21 luglio (Reuters) - Dopo uno stop durato di fatto oltre un mese, imposto dalle turbolenze finanziarie legate alla crisi greca, le banche italiane si riaffacciate oggi sul mercato obbligazionario con due operazioni: un senior a cinque anni del Banco Popolare e un covered bond, della stessa durata, della Popolare dell'Emilia Romagna.

"Chi stava guardando il mercato prima dello scoppio dell'emergenza sulla Grecia ora trova una buona finestra per emettere" spiega un operatore coinvolto in uno dei due collocamenti italiani di oggi.

Dai 170 punti base toccati a metà giugno, e poi ancora a fine giugno, in occasione dell'annuncio del referendum sul piano di austerità da parte del governo greco, lo spread di rendimento tra Btp e Bund decennali è ridisceso negli ultimi giorni in area 120 pb, con un tasso a 10 anni italiano nuovamente sotto quota 2%. Nella seduta di ieri il rendimento è sceso anche sotto l'1,90%, ai minimi da fine maggio.

COVERED BPER, SENIOR BANCO POPOLARE

Secondo quanto riportato dal servizio Ifr di Thomson Reuters il bond del Banco Popolare, da un miliardo di euro a fronte di ordini per oltre 4,5 miliardi, vine collocato a 240 punti base sopra il tasso midswap. Il covered Bper, da 750 milioni su ordini per circa 1,4 miliardi, è stato prezzato 18 pb su tasso midswap.

Alle due emissioni bancarie, si aggiunta oggi anche un'operazione di Snai, che ha lanciato sul mercato un bond 'mirror' da 110 milioni con scadenza giugno 2018 .

"Lo stop delle ultime settimane è stato naturalmente tutto legato alla vicenda greca e all'aumento degli spread e soprattutto della volatilità che ha generato" conferma un secondo operatore. "Sull'high yield qualche emittente è già tornato a muoversi, sull'investment grade, invece, complice il periodo di black-out legato alla presentazione delle trimestrali, i nomi visti sono ancora pochi".   Continua...