SINTESI-Vertice Eurozona punta a tenere Grecia nell'euro

domenica 12 luglio 2015 13:08
 

BRUXELLES, 12 luglio (Reuters) - I leader dell'Eurozona oggi cercheranno sino alla fine di tenere la Grecia nell'euro, dopo che il presidente dell'Ue ha cancellato il previsto vertice a 28 che sarebbe stato necessario in caso di 'Grexit'.

In cambio, al primo ministro greco Alexis Tsipras verrà chiesto che il Parlamento adotti da domani misure chiave per ripristinare la fiducia venuta meno nei 18 partner dell'eurozona, passo necessario perché Atene ottenga un terzo bailout, dicono i ministri.

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha annunciato la cancellazione del vertice dei capi di stato e di governo Ue, dicendo che il summit dell'Eurozona inizierà alle 16 italiane e "durerà finché avremo concluso i colloqui sulla Grecia".

I ministri finanziari dell'Eurogruppo stamani hanno ripreso la riunione, sospesa nella notte dopo nove ore di aspro dibattito sulla concessione di un altro prestito triennale alla Grecia sulla base delle proposte di riforma che Tsipras ha accettato dopo una lunga resistenza.

Diversi Paesi hanno sostenuto un documento del governo tedesco che raccomanda l'uscita della Grecia per cinque anni dall'euro se non accetta da subito condizioni più dure, in particolare bloccando asset statali da privatizzare in un trust indipendente per ripagare i debiti.

Il dibattito si è fatto così acceso che il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ha deciso di aggiornare la riunione a mezzanotte e di riprendere i colloqui stamani alle 11.

"Il maggior ostacolo a un accordo è la carenza di fiducia", ha sottolineato stamattina il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan parlando coi giornalisti. "Vorrei vedere il Parlamento greco adottare azioni concrete da domani per implementare le riforme".

I ministri si sono trovati d'accordo in linea di principio sul cercare di alleggerire il peso del debito greco fermandosi però prima di un "taglio", a patto che Atene prima implementi riforme chiave in materia di tassazione, pensioni, mercato del lavoro e pubblica amministrazione.

  Continua...