Grecia, mossa Fmi aumenta pressione su Atene e Ue - funzionario

venerdì 12 giugno 2015 13:30
 

ATENE, 12 giugno (Reuters) - La decisione della delegazione Fmi di abbandonare ieri Bruxelles e il tavolo delle trattative nel negoziato tra Atene e creditori internazionali è una mossa tattica, mirata a mettere sotto pressione da una parte l'esecutivo ellenico e dall'altra gli interlocutori Ue.

Lo dice un funzionario del governo aggiungendo, a segnale di una linea che non sembra affatto ammorbidita, che Atene non intende superare i paletti che si è data - nessun taglio su salari pubblici e pensioni - ma è disponibile a intensificare il negoziato sul piano politico.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia